fbpx

Le scuole reggine e tedesche si incontrano per scambio culturale e visita al Museo Archeologico Nazionale di Reggio con i Ciceroni del FAI

STUDENTI TEDESCHI AL MUSEO 2Una giornata davvero speciale per  “Gli Apprendisti Ciceroni” dell’Istituto “Raffaele  Piria”di Reggio Calabria, formati grazie al progetto “Le Mattinate FAI” messo in atto dalla delegazione reggina del Fondo Ambiente Italiano.

Gli Apprendisti Ciceroni, che dal primo marzo accolgono al Museo Nazionale le scolaresche che arrivano da tutta Italia, sono stati protagonisti due giorni fa di un incontro speciale.

In riva allo Stretto una scolaresca di studenti tedeschi è stata infatti guidata alla scoperta dei reperti attualmente esposti a Palazzo Piacentini: il Kouros, i Dioscuri, il Cavaliere di Marafioti, l’Apollo di Cirò. Ma anche dell’Arazzo Fiammingo ed infine nella sala dei Guerrieri di Riace, dove si trova attualmente esposta anche  la Testa di Basilea (la Testa del Filosofo è in mostra fino a luglio al Quirinale).

Un’esperienza formativa e anche esaltante, per gli studenti reggini formati dal FAI, nell’accogliere i colleghi di Monaco di Baviera incantati dai tesori della Magna Graecia.

STUDENTI TEDESCHI AL MUSEOGli studenti tedeschi sono ospiti del Liceo Scientifico “L. Da Vinci” di Reggio Calabria,  nei giorni scorsi protagonisti del Concerto per Coro ed Orchestra “On top of the word”presso il Duomo.

“E’ stato un bel momento di condivisione e di crescita culturale – hanno commentato a una voce sola i Ciceroni FAI –  dove la scuola incontra la scuola, per far conoscere i Bronzi, la Testa di Apollo, ma anche  la mostra “I Bronzi di Riace Nostos . Il Ritorno” che espone  le opere di 14 maestri  internazionali che hanno voluto interpretare, ognuno secondo il proprio stile, i due famosi guerrieri”.