fbpx

Reggio, processo “Tramonto” al clan Bellocco: il gup infligge 33 condanne. Un solo assolto

Reggio Calabria Panorama Il CEDIREcco i risultati della sentenza emessa ieri sera nell’aula bunker di Reggio Calabria, nell’ambito del processo “Tramonto”, messi in atto dal gup di Reggio, Davide Lauro: 33 condanne e una sola assoluzione per i capi e per i gregari della Cosca Bellocco, la famiglia mafiosa egemone nelle città di Rosarno e San Ferdinando. Nel complesso sono state inflitte pene per 315 anni di carcere e 90 mila euro di multa; si ricordi che la triade della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria (i pm Giovanni Musarò, Matteo Centini e Luca Miceli) aveva invocato 350 anni di reclusione.

Il processo “Tramonto”, nell’ambito del quale sono ancora a giudizio altre 10 persone, con il rito ordinario a Palmi, rappresenta la sintesi delle conclusioni investigative di tre parallele inchieste della Dda: “Tramonto”, “Blue Call” e “Vento del nord”. Queste tre operazioni hanno portato alla luce gli affari criminali dei Bellocco, che da Rosarno erano riusciti ad espandersi tra Milano e l’Emilia Romagna.