fbpx

Reggina, cuore Di Michele: “voglio rimanere anche in C, bello il derby con Corona”

Di MicheleNonostante i 38 anni già compiuti da 4 mesi, in campo è uno di quelli che corre più di tutti. Certo, magari poi arriva davanti alla porta poco lucido e sbaglia gol facili, ma anche in questa disastrosa stagione amaranto David Di Michele è stato senza ombra di dubbio il miglior giocatore della Reggina con i suoi 8 gol e 6 assist in 32 presenze. Nessuno ha fatto meglio in questa squadra.
Di Michele già lo scorso anno aveva dato un contributo fondamentale alla salvezza della Reggina: arrivato a gennaio dal Chievo (sì, David fino a 15 mesi fa giocava in serie A), è stato autore di 7 gol in appena 18 partite. Esperienza e qualità al servizio della squadra, ha vissuto i suoi momenti migliori prima con Pillon e poi con Atzori mentre ha faticato tremendamente quando Gagliardi e Zanin, su volontà di Giacchetta, gli hanno imposto il ruolo (non certo a lui congeniale) di unica prima punta.
Di_Michele_RegginaNell’ultima puntata di “Chisti Simu”, ai microfoni di Auspici e Polimeni, il capitano amaranto ha rilasciato parole di grande affetto per la Reggina: “siamo dispiaciuti, una stagione così nell’anno del centenario non se l’aspettava nessuno. Penso che le voci sulla possibile non iscrizione in serie C siano infondate, si sta facendo di tutto per iscrivere la squadra. Ripeto, questa retrocessione è stata una mazzata, e per rialzarsi ci vorrà un pò di tempo. L’importante, sarà affrontare questo arco di tempo con impegno e tanta dedizione, nel rispetto della maglia, che è una cosa fondamentale, dei tifosi e dell’amore che ognuno ha per il proprio lavoro. Nelle ultime gare ho avuto qualche fischio, ci sta. Magari da uno come Di Michele la gente si aspetta sempre qualche cosa in più, ma come si è sempre detto nel calcio, un giocatore non può fare la differenza da solo, nè in positivo nè in negativo. Sicuramente Di Michele ha contribuito a far si che questa stagione fosse negativa, ma dire che la colpa sia solo mia, mi pare un pò riduttivo, anche perchè sul campo ho sempre dimostrato di essere uno che ci tiene, e di questo me ne devono dare atto“.

di_micheleSul suo futuro, Di Michele ha detto: “se a 38 anni corro ancora in questo modo, vuol dire che qualcosa dentro ce l’ho. Che farò l’anno prossimo? Giocherò ancora. Sulla mia permanenza a Reggio anche in Lega Pro, dico che dipende dalla società: da parte mia c’è non una porta, ma un portone spalancato. La categoria non è un problema, magari il derby col Messina sarà anche un derby tra Di Michele e Corona. La serie C è molto ambita, ed il calcio è sempre bello, a partire dai massimi livelli fino al campionato amatoriale“.

Da evidenziare che Giorgio Corona, l’attaccante ormai bandiera del Messina, di anni sul groppone ne ha 40 tondi tondi (li compirà tra pochi giorni, il 15 maggio), e nelle ultime due stagioni è stato protagonista assoluto delle due promozioni del Messina dalla serie D alla serie C a suon di gol a raffica (16 l’anno scorso in D, 11 quest’anno in 2^ Divisione di Lega Pro).