fbpx

Mancato supporto al Gal Locride Scarl, Trematerra risponde a Imperitura: “requisiti insufficienti”

trematerra-micheleL’Assessore regionale all’Agricoltura, Foreste e Forestazione Michele Trematerra è intervenuto – informa una nota dell’ufficio stampa della giunta regionale – sulla mancata erogazione delle risorse programmate al Gruppo di Azione Locale Locride Scarl. “Nostro malgrado – afferma l’Assessore Trematerra – siamo costretti a tornare sull’argomento della mancata erogazione delle risorse programmate al Gruppo di Azione Locale Locride Scarl. Invito il presidente dell’associazione dei comuni della Locride Giorgio Imperitura, e tutti coloro che avessero bisogno di ulteriori chiarimenti relativi a questa questione, a comprendere e studiare a fondo la situazione di stallo del Gal Locride rispetto ai requisiti necessari per ricevere i finanziamenti programmati. Una situazione di irregolarità ed inadempienza, per la quale non hanno sortito alcun effetto nemmeno le numerose sollecitazioni a porre rimedio da parte dello stesso dipartimento regionale e dell’organismo pagatore Arcea.

Un’inadempienza – aggiunge – che purtroppo rischia di ripercuotersi  su tutto il territorio di pertinenza del Gal Locride, che vede pregiudicarsi la possibilità di ricevere un supporto di ben cinque milioni di euro, destinati ad una serie di progetti rivolti alla crescita socio – economica della zona. Cosa che lascia molto amareggiato sia il sottoscritto che il dipartimento che rappresento, che invece ha l’obiettivo di sostenete in tutti i  modi possibili i vari territori calabresi e di promuovere sviluppo. A patto, però, che si rispettino le regole. Ribadiamo infatti con fermezza quanto già affermato meno di un mese addietro – precisa Trematerra – e cioè che al Gal Locride, dopo l’inevitabile attivazione del potere sostitutivo da parte della Regione Calabria delgiugno del 2013, data la sua critica situazione organizzativa e gestionale, che lasciava presagire una compromissione della regolare attuazione del PSL “Sistema Coeso”, finanziato nell’ambito del PSR Calabria 2007/2013 con i fondi FEASR, era stata offerta un’ulteriore possibilità per correre ai ripari: con il decreto  n. 14225 del 14 ottobre 2013 (consultabile sul BURC),  il Dipartimento Agricoltura dava l’opportunità al Gal Locride di superare le criticità riscontrate, nell’interesse dello sviluppo dell’area regionale interessata. Al Gal Locride veniva semplicemente richiesto di fornire copia degli atti ufficiali di incarico/contratti del Direttore Generale/Amministratore Delegato; di provvedere alla sostituzione delle polizze fideiussorie a garanzia delle domande di anticipazione erogate; di provvedere, per le presunte irregolarità contabili supposte, all’esibizione della documentazione giustificativa delle spese che dimostrassero  la loro connessione con l’attuazione del PSL “Sistema Coeso”. Siamo costretti a sottolineare ancora una volta – conclude l’esponente della giunta regionale – che ad oggi, il Gal Locride Scarl non ha adottato due delle tre  indispensabili prescrizioni notificategli dal Dipartimento Agricoltura (ma solo la prima),  rendendosi inadempiente e quindi unico responsabile della mancata erogazione dei contributi programmati. Ma allo stesso tempo, ribadiamo che il Dipartimento Agricoltura rimane a completa disposizione del Gal Locride Scarl per  chiarimenti e suggerimenti per rimediare alle problematiche riscontrate e riuscire così a sbloccare questa spinosa ma importantissima situazione”.