fbpx

Locri (Rc), l’Associazione “Nuova Calabria” ha proposto l’opera cinematografica “Fiori di carta”

imagesNuovo risultato positivo per l’Associazione politico-culturale “Nuova Calabria” che in collaborazione con l’emittente televisiva “Fimmina tv”, ha proposto all’attenzione del pubblico della fascia jonica reggina l’opera cinematografica realizzata in formato medio-metraggio intitolata “Fiori di carta”. In entrambe le serate di proiezione avvenute rispettivamente a Locri il 28 aprile al cinema “Vittoria” e Bovalino il 30 presso il Liceo Scientifico “F. La Cava”, quasi mille persone hanno assistito all’evento che ha riscosso grande successo non solo appunto di pubblico ma soprattutto di critica da parte degli addetti ai lavori. Il film è tratto dal libro omonimo scritto da Martina Zito e Bruno Panuzzo (per la “Brumar Editore”). Le riprese sono state curate da Stefano Marra per la regia di Andrea Grollino, le musiche sono state curate da Bruno e Stefano Panuzzo e Francesco Paltani. Hanno prodotto l’opera l’Associazione politico-culturale “Nuova Calabria”, sempre sensibile alle tematiche che interessano il sociale e il mondo giovanile e l’emittente televisiva “Fimmina TV” (in qualità di produttore esecutivo) che ha da subito creduto nella bontà dell’iniziativa cinematografica. L’opera filmica, interamente girata nei luoghi paesaggistici e suggestivi della locride (Bovalino, Ardone, Gerace ecc..) e con un cast di giovani ragazzi del posto alla loro prima esperienza davanti alle macchine da presa, sarà ancora al centro dell’attenzione in quanto la proiezione oltre ad essere già prevista in diversi circoli didattici della provincia e non solo, parteciperà anche a concorsi indetti per la sua categoria sia in ambito regionale che nazionale. La storia raccontata nel film seppur nella sua semplicità di vita attuale e quotidiana (mancanza d lavoro, emigrazione, morte sulle strade e violenza sulle donne) esprime compiutamente la volontà di rivalsa dei giovani calabresi che seppur costretti a lasciare il luogo natio hanno la ferrea volontà di ritornare vincenti ad investire sul proprio futuro e nella loro regione… la Calabria. In entrambe le serate le emozioni tra il pubblico hanno avuto un crescendo continuo fino a raggiungere l’apice nel momento della gara di ballo che ha visto trionfare la giovane coppiimagea calabrese che ha duettato sul parquet di gara tra le note magiche della “febbre del sabato sera”, di “ghost” e altri capolavori già nell’olimpo della celluloide. Particolarmente toccante il finale che è stato lasciato all’immaginazione dello spettatore che ha potuto scegliere tra quello più cruento caratterizzato dalla morte dei protagonisti e della giovane donna di colore, violentata dal branco e cui loro avevano dato un passaggio nel corso del viaggio per raggiungere il nord e quello più favorevole che vede i giovani realizzare il loro sogno di ritornare famosi nella loro terra, aprire diverse scuole di ballo e creare così nuove opportunità di lavoro per tanti giovani che non dovranno lasciare la loro terra come hanno fatto loro. Le serate di proiezione sono state caratterizzate oltre che dalla presenza massiccia di giovani, anche da quella di autorità politiche regionali (Consigliere Pietro Crinò), provinciali (Consigliere Alessandra Polimeno) e locali (Assessori del Comune di Locri Sofia e Passafaro) e da autorità civili istituzionali (Presidente del Tribunale di Locri Dr. Bruno Muscolo e del Commissariato di P.S. di Siderno Dr. Carlo Casaburi) e militari (Comandante della Compagnia Carabinieri di Locri, Cap. Nico Blanco), che non hanno voluto far mancare la loro nota di incoraggiamento per il buon lavoro svolto da questo meraviglioso gruppo di ragazzi.