fbpx

Elezioni Europee, comizio di Scopelliti a Napoli dentro le gallerie Borboniche

scopellitiNello scenario di Agora’ Morelli a Napoli, all’interno delle gallerie Borboniche, circa trecento persone hanno accolto il Presidente Giuseppe Scopelliti candidato alle elezioni europee nella lista Ncd-Udc-Ppe. Lo riferisce un comunicato del Nuovo centrodestra della Calabria. “L’astensionismo – ha detto Scopelliti – e’ un grande rischio. Il cittadino non percepisce le elezioni europee come qualcosa di utile, ma l’Europa e’ strategica per lo sviluppo dei nostri territori e condiziona i destini dei popoli. Quindi non e’ un voto perso o sbagliato, ma va calibrato. La mia presenza a Napoli nasce da una esigenza di radicamento al territorio che va oltre la mia Calabria. Io sono un uomo orgogliosamente di destra e ho trovato tanti amici pronti a dare una mano per una comunita’ importante”. Scopelliti, nel suo intervento, ha fatto riferimento a vari temi. “Io da Presidente della Regione Calabria – ha detto parlando di immigrazione – sono almeno otto mesi che ho sensibilizzato lo spostamento del Frontex da Varsavia al Sud Italia. I ritardi poi nella spesa dei fondi comunitari sono dovuti alla troppa burocrazia. Bisogna concentrare le risorse su pochi obiettivi che diano una risposta seria al mondo imprenditoriale e giovanile”. “Dobbiamo creare nuove infrastrutture – ha detto ancora Scopelliti – e dare una risposta alla disoccupazione per colmare distanze che esistono nella societa’. Tra il 2014 e il 2020 ci sara’ la possibilita’ concreta di investire circa mille miliardi di stanziamenti diretti. Ecco perche serve una classe dirigente che abbia competenza perche’ a Bruxelles si gioca una grande partita, una convergenza con le categorie sociali che puo’ far crescere il Mezzogiorno. Non dobbiamo piu’ commettere un errore. Non possiamo piu’ non comunicare quanto si fa. Gli altri hanno messo persone competenti a guidare questi uffici e noi no. Ecco dove e’ la vera sfida”. “Quindi il voto del 25 maggio – ha concluso – non e’ un voto inutile”.