fbpx

La DiA reggina arresta l’ex ministro Scajola a Roma: ecco le immagini dell’arresto [VIDEO]

ScajolaL’indagine condotta dalla Dia di Reggio Calabria è stata orientata a impedire l’occultamento del patrimonio di Matacena, effettuato attraverso prestanome, creazione di schermi societari di aziende controllate estere e conti offshore in paradisi fiscali. Dalle intercettazioni sono emersi incontri tra Bruno Manfrici e Matacena nella casa di quest’ultimo nel principato di Monaco. Dagli accertamenti è così risultato il coinvolgimento della moglie, della segretaria, della madre e del factotum Martino Politi, che facevano da prestanome nelle società Solemar srl, Amadeus spa, Amju international tanker Ltd e Athoschia international tanker Ltd, queste ultime costituite in Liberia. Dalle intercettazioni sono inoltre emerse conversazioni tra Chiara Rizzo e Scajola in cui quest’ultimo veniva messo a conoscenza degli spostamenti all’estero di Matacena per sottrarsi alla cattura. Scajola si sarebbe inoltre attivato, con l’apporto della sua segretaria, per trovare uno Stato estero, il Libano, dove l’estradizione non ci fosse o fosse difficile. In seguito all’operazione di oggi sono stati messi sotto sequestro l’intero capitale della Amadeus spa e delle società partecipate Amju international tanker Ltd e Athoschia international tanker Ltd, la Solemar srl, le società Ulisse shipping srl, Lidico srl, Seafuture sa e Xilo sa (con sede in Lussemburgo), New life srl unipersonale.

Ecco le immagini VIDEO dell’arresto dell’ex ministro: