fbpx

Costa Concordia: ha ceduto il primo cassone posizionato per rigalleggiamento nave

costa_concordia_cede_un_cassone_danneggiate_le_strutture_di_sostegno-0-0-401088Ieri pomeriggio, nel cantiere all’isola del Giglio, il cedimento del primo dei 19 cassoni montato sul lato di dritta della Costa Concordia, siglato S13, avrebbe provocato l’inclinazione delle strutture di sostegno con cui vengono posizionati i cassoni per il rigalleggiamento della nave.

I cedimenti strutturali sarebbero stati due e si sono verificati intorno alle 17.30, entrambi a breve distanza di tempo tra loro; il cassone in questione è stato installato tra il 26 e il 28 aprile e il suo cedimento è avvenuto ieri sotto il livello del mare. Dall’esterno, sopra la superficie dell’acqua, si nota, infatti, che la struttura che lo deve sorreggere si è piegata su un lato e non è più simmetrica alla fiancata di dritta del relitto.

I tecnici del consorzio Titan Micoperi hanno individuato la causa del “disallineamento del cassone S13”: “Si tratta infatti – spiega un comunicato – di un problema legato al tensionamento di una catena che era rimasta impigliata sotto il relitto e quindi non in perfetta tensione”. La situazione – riporta sempre la nota – è sotto controllo”.

I cassoni finora montanti sulla Concordia sono tre e per oggi è prevista l’operazione di istallazione di un quarto, con il via libera dato avantieri dall’Osservatorio per la Concordia, per cui i lavori durante questa fase preliminare alla rimozione del relitto possono proseguire senza altri intoppi. In tutto devono essere montati 19 cassoni (sponson), 15 sul lato dritto e i quattro restanti sul lato di sinistra.