fbpx

Cosenza, operazione “Ghost worker”: truffa all’INPS per 13 mln, denunciati 3000 falsi braccianti

Controlli della Guardia di Finanza a Cosenza.Prosegue l’attività dei finanzieri del Comando Provinciale di Cosenza, nell’ambito di indagini, coordinate dal dott. Vincenzo Quaranta, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Castrovillari guidata dal Procuratore Capo Franco Giacomantonio e svolte a contrasto dell’ormai annoso e diffuso fenomeno delle false attestazioni di giornate in agricoltura
con la conseguente ingente truffa ai danni dello Stato. Sono stati denunciati all’A.G. nr. 30 soggetti quali ideatori, organizzatori ed
esecutori di truffe aggravate ai danni dell’INPS, che hanno consentito a circa 3000 falsi braccianti agricoli di percepire indebitamente indennità non spettanti. Per la rilevante dimensione del fenomeno, quella portata alla luce Controlli della Guardia di Finanza a Cosenza.dal Nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza, è certamente una delle maggiori truffe consumate in Calabria ai danni dell’INPS, Ente che per il suo ruolo istituzionale di erogatore di prestazioni sociali di vario tipo, risulta spesso tra i soggetti maggiormente danneggiati da tale reato, come è stato già accertato in una analoga operazione svolta dallo stesso Reparto e denominata “SENZA TERRA”. Le fattispecie concrete più ricorrenti nelle quali ci si è imbattuti hanno visto la presenza di aziende che impiegavano operai su terreni che per dimensione o tipologia sono risultati “inconsistenti” rispetto al numero di lavoratori e di giornate lavorative denunciate, oppure per la simulazione di rapporti lavorativi fittizi o di aziende fantasma. Il “sistema” ha origini risalenti ed ha assunto, nel tempo, una vastità tale da coinvolgere migliaia di soggetti reclutati soprattutto in ambito familiare assumendo, in alcune circostanze, la valenza di “ammortizzatore sociale” nei confronti di persone meno abbienti. La realizzazione della truffa si è concretizzata nella costituzione ad hoc di aziende agricole nella zona di Corigliano Calabro (CS), di Rossano (CS), di Cassano allo Ionio (CS) e comuni limitrofi con centinaia di lavoratori dipendenti, che, in realtà, lavoravano solo sulla “carta”, presso terreni di ignari o, addirittura, inesistenti committenti. L’organizzazione criminale, in effetti, ha dapprima artatamente costituito “sulla carta” aziende agricole che erogano servizi in agricoltura a committenti proprietari di terreni destinati alla coltivazione e, USURA: GDF ANCONA ARRESTA 2 USURAI, TASSI FINO A 3000%successivamente, predisposto false scritture private, attestanti false prestazioni di lavoro agricolo. I dati così formati sono confluiti nelle Denunce Aziendali al fine di ottenere l’apertura della posizione contributiva presso l’INPS; trimestralmente, sulla base delle Denunce Aziendali, sono stati, poi, comunicati i dati ed il numero dei lavoratori agricoli impiegati fittiziamente attraverso i modelli D.M.AG. (Dichiarazione di Manodopera Agricola). Il sodalizio criminale ha così attestato sistematicamente e falsamente giornate lavorative in agricoltura a 3000 compiacenti falsi braccianti, permettendo agli stessi l’indebita percezione di spettanze previdenziali, nonché la maturazione di congrui periodi assicurativi ai fini pensionistici. Dal canto loro, i falsi lavoratori agricoli, per poter godere dei diritti derivanti dallo status di dipendenti a tempo determinato nel settore agricolo, hanno provveduto a versare, nelle mani dei componenti il sodalizio criminale, somme di denaro variabili in relazione al numero di giornate attestate, mettendo in piedi un vero e proprio “mercato” delle giornate in agricoltura, dove tutti guadagnavano a spese dello Stato che erogava, a persone che non ne avevano diritto, milioni di euro di indennità. A fronte delle false attestazioni, l’INPS, negli anni dal 2006 al 2011, ha, infatti, erogato ai fittizi lavoratori agricoli quasi 13 milioni di euro di indennità di disoccupazione, assegni familiari ed indennità di malattia e/o maternità. Infine, si è potuto determinare che l’illecito mercimonio ha permesso verosimilmente ai componenti dei sodalizi criminali segnalati, di ricevere, dai compiacenti falsi braccianti, quasi 5 milioni di euro a fronte delle false attestazioni sulla base del seguente “tariffario”: € 700 per 51 giornate, € 1.400 per 102 giornate ed € 2.100 per 153 giornate.