fbpx

Carabinieri di Milazzo in servizio anche sulle moto BMW 850, con risultati immediatamente positivi

Motociclisti CC in perlustrazioneDa qualche giorno, il Nucleo Radiomobile della Compagnia di Milazzo, agli ordini del Maresciallo Capo Angelo Floramo, negli ordinari servizi di pattugliamento, sta impiegando anche una squadra di motociclisti, a bordo di moto BMW 850. L’impiego dei veicoli a due ruote, particolarmente utili soprattutto nel traffico cittadino, ha portato fin da subito dei risultati positivi.

In particolare, nella sola giornata di ieri, i Carabinieri motociclisti:

– a Torregrotta, intimavano l’alt a uno scooter, con a bordo due giovani. I due fingevano di fermarsi e improvvisamente si davano alla fuga sulla statale 113, facendo slalom tra i veicolo nel traffico, con manovre a dir poco pericolose per gli altri utenti della strada. I due Carabinieri motociclisti, dimostrando perizia e capacità di guida, inseguivano lo scooter e dopo un breve inseguimento, riuscivano a bloccarlo, evitando incidenti e danni agli altri automobilisti e pedoni. Lo scooter, da ulteriori accertamenti, risultava essere stato rubato il 7 maggio nella zona di Messina Gazzi e veniva sottoposto a sequestro, in attesa di essere restituito al legittimo proprietario. A bordo dello scooter venivano fermati: l’autista, un 16enne rumeno, senza patente perché mai conseguita, e il passeggero un 19enne di Messina, già noto alle forze dell’ordine. I Carabinieri perquisivano i due, rinvenivano e sequestravano anche circa 5 grammi di Marijuana. Al termine dell’intervento i Carabinieri denunciavano il solo autista per guida senza patente ed entrambi per ricettazione in concorso dello scooter rubato, resistenza a pubblico ufficiale e possesso di stupefacente per uso personale.

– A Milazzo, controllavano e traevano in arresto in flagranza per possesso di stupefacente ai fini di spaccio Grasso Mario, 50enne di Pace del Mela, già noto alle forze dell’ordine. I Carabinieri motociclisti, insospettiti dal comportamento del 50enne procedevano a perquisizione, personale e veicolare, rinvenendo nella sua disponibilità 10 grammi circa di sostanza stupefacente tipo “marijuana” e la somma in contanti di € 400,00 in banconote di vario taglio, provento di attività di spaccio. L’arrestato, su disposizione dell’A.G. a norma dell’art. 121 delle norme di attuazione del c.p.p. veniva messo in libertà in attesa dell’udienza di convalida  dell’arresto.