Capo d’Orlando (Me), tagliati i fondi a 25 disabili

tagli sanitàIl Centro di Riabilitazione di Villa Piccolo non ce la fa, le esigenze di bilancio hanno avuto la meglio. Da oggi i servizi offerti dall’Asp a venticinque pazienti disabili sono stati trasferiti in blocco al Centro di Riabilitazione di Acquedolci, con buona pace dell’entourage operante nella struttura di Capo d’Orlando. Una situazione di difficile comprensione secondo la Cisl. E proprio il sindacato guidato da Tonino Genovese ha posto l’indice contro i disagi causati all’utenza.

Purtroppo registriamo scelte non ragionate sull’utilizzo di strutture di proprietà dell’ASP come il poliambulatorio orlandino” ha affermato Alfonsa Franchina, già segretaria zonale del sindacato. “Con una giusta pianificazione il centro potrebbe assicurare i necessari spazi per il servizio di riabilitazione. Si sceglie invece di spostare il servizio in un altro Comune comportando disagi, spese e maggiori distanze per famiglie e soprattutto per gli utenti minori che fruiscono del servizio provenienti da comuni tirrenici come Barcellona. Non comprendiamo le scelte dell’azienda” ha concluso.

Da qui la richiesta al sindaco: un incontro urgente per verificare la dismissione di servizi strategici del territorio