fbpx

Canditfrucht di Barcellona, i dipendenti: “solidarietà è agire contro ingiustizie” [FOTO]

/

10320525_10202476386527971_2033695558416544719_ndi Dario Lo Cascio e Carmelo Amato – I 52 dipendenti della Canditfrucht di Barcellona Pozzo di Gotto hanno manifestato pacificamente questo pomeriggio, di fronte l’impianto di contrada Sant’Antonino, in  segno di solidarietà al presidente e fondatore della ditta, Nunzio Calabrò. Quest’ultimo è indagato nell’ambito dell’operazione Last Orange ed è accusato in concorso di smaltimento illecito di rifiuti non pericolosi derivanti dalla lavorazione degli agrumi, e si trova attualmente agli arresti domiciliari.

I dipendenti sono preoccupati per il futuro della società, nonostante alla Canditfrucht si continua comunque a lavorare, sotto la supervisione dell’Amministratore Giudiziario, che ha assunto in delega tutte le competenze di Calabrò.

I dipendenti della Canditfrucht chiedono che la giustizia faccia il suo corso in tempi rapidi, senza però compromettere il futuro della ditta stessa, una delle poche solide realtà industriali che funzionano nel comprensorio di Barcellona. Sul cancello della fabbrica uno striscione recita: “la solidarietà non è dare ma agire contro le ingiustizie“. Oltre a ribadire l’affetto per l’azienda, i lavoratori considerano Calabrò più che un padre, e una persona perbene. Alla manifestazione hanno partecipato anche persone vicine alla Canditfrucht provenienti da tutta la Sicilia e nello specifico: Mascali, Siracusa, Palermo, Bagheria, Paternò, S. Maria di Licodia.

Il socio-dipendente Ottavio Calabrò commenta così la vicenda: “Siamo purtroppo e spesso abituati a leggere i giornali e da cio’ apprendere e ritenere come integralmente vere le notizie in essi riportate. L’attuale vicenda giudiziaria che coinvolge in prima persona il Presidente della Canditfrucht Spa, e la stessa azienda, tende a far dubitare della correttezza imprenditoriale e gestionale riconducibile al suo Presidente. Ciò necessita di una forte e chiara smentita atteso che l’impresa deve il suo volume d’affari unicamente alle contrattazioni ormai consolidate con le partnerships estere ed alla capacità carismatica della proprietà ad essere competitiva, concorrenziale e capace di offrire una diversificazione di prodotti qualitativamente eccellenti sul mercato mondiale.

I fatti risalenti al trimestre Febbraio –Maggio 2012 oggi contestati, con i provvedimenti giudiziari che ne sono conseguiti, non possono pregiudicare la reputazione acquisita negli anni e la permanenza della Canditfrucht Spa nel panorama economico siciliano ed internazionale, né possono compromettere, oscurandole, le capacità imprenditoriali del Suo Presidente. Siamo vicini al Presidente ed attendiamo immediate risposte dagli Organi competenti“.

Il responsabile delle analisi di laboratorio, Romeo Castori, sottolinea: Noi qui siamo abituati a lavorare  con grande cura ai particolari, questo alfine di garantire ai nostri clienti la massima qualità del prodotto. La mancanza qui di una figura come l’amministratore Nunzio Calabrò si fa sentire, in modo particolare per il ruolo di coordinamento che svolge tra i diversi settori dell’impresa”.

Foto di Carmelo Amato