fbpx

Calcio: fallimento US Catanzaro, in sei a giudizio

Us CatanzaroIl giudice dell’udienza preliminare del capoluogo calabrese ha rinviato a giudizio le sei persone coinvolte nell’inchiesta su presunti illeciti connessi al fallimento dell’ex societa’ calcistica Us Catanzaro, dichiarata fallita il 15 giugno del 2007. Accogliendo la richiesta del pubblico ministero, il giudice Maria Rosaria Di Girolamo ha mandato i sei accusati al processo, che avra’ inizio il 7 ottobre davanti al tribunale collegiale, nel corso del quale dovranno rispondere a vario titolo di truffa aggravata per il conseguimento di fondi pubblici e bancarotta fraudolenta patrimoniale.
Gli imputati sono ex dirigenti ed ex consulenti della societa’ calcistica fallita: gli imprenditori Claudio Parente, Massimo Poggi e Bernardo Colao, il commercialista Giuseppe Ierace, il consulente d’azienda Domenico Cavallaro, nonche’ l’avvocato Gerardo Carvelli. La richiesta di rinvio a giudizio e’ giunta a conclusione delle indagini della Guardia di finanza partire a seguito di una verifica fiscale relativa agli anni 2006 e 2007, da cui sarebbero emerse irregolarita’ nella gestione societaria che avrebbero portato al fallimento. La presunta truffa, secondo la ricostruzione dell’accusa, si sarebbe concretizzata nell’indebita percezione, risalente al giugno del 2007, di circa tre milioni e mezzo di euro di contributi provenienti dalla Lega Calcio, ed altri 500.000 euro sborsati dalla Provincia di Catanzaro.