fbpx

“Cabina di Regia” per la Calabria, Jole Santelli (FI): “atti dovuti, dal Governo metodo che fa rabbrividire”

Jole SantelliLeggo della costituzione di una cabina di regia per Calabria. Al di là di qualche spot, come il completamento del nuovo palazzo di giustizia di Reggio voluto dal governo Berlusconi, c’è solo qualche ‘atto dovuto’ che il presidente del Consiglio vende per la campagna elettorale”. Lo dichiara la coordinatrice calabrese di Forza Italia, Jole Santelli.

Ma, oltre agli aspetti di merito, trovo preoccupanti e discutibili quelli di metodo. All’annuncio della nascita di questo organismo, Renzi fa seguire conseguenze a mio avviso assai gravi – prosegue Santelli – che fanno rabbrividire qualsiasi costituzionalista: un gruppo di ministri dovrebbe sostituirsi alla Regione Calabria e al Comune di Reggio. La verità è che Renzi conferma i peggiori sentori avuti nelle volte in cui è venuto in questa regione e si è occupato di Calabria. Non sa cosa sia il Sud ed ancor meno la Calabria, ma tratta la nostra terra con tutta la spocchia di un uomo che ci considera una sorta di ‘fastidio’. Il grande gesto sarebbe quello di ‘prendersi potere’, nominando vicerè Delrio  per comandare su un po’ di cose. Ed è inquietante – conclude la parlamentare – il riferimento al Comune di Reggio commissariato da un prefetto, sarebbe opportuno spiegare al presidente del Consiglio che uno strumento così delicato come un commissariamento, atto politico assunto dal governo Monti e molto discusso, non è una presa di potere da parte del governo”.