fbpx

Ambulantato abusivo, la Panarello risponde: “Nessuna persecuzione”

Agente di Polizia MunicipaleIn una città in cui dilaga l’abusivismo, dove viandanti improvvisati si riuniscono nelle piazze centrali o nei pressi delle strade commerciali per vendere beni sulle proprie bancarelle, i Verdi qualche settimana fa hanno puntato il dito contro l’amministrazione Accorinti, rea di colpire i “reietti sociali” costretti a mendicare per sopravvivere alla crisi. “In un periodo nel quale sono aumentati la povertà e i problemi personali, multare e sequestrare le merci a simili persone è un accanimento sociale che non fa onore alla giunta”, hanno affermato congiuntamente la responsabile provinciale Raffaella Spadaro e il coordinatore cittadino Raffaele Scirocco, chiedendo peraltro “una regolamentazione chiara e trasparente, condivisa con gli operatori del settore”.

Ha risposto giusto oggi l’assessore al Commercio Patrizia Panarello, la quale – ricordando gli sforzi profusi dalla sezione Annona del Corpo della Polizia municipale – ha ricondotto l’azione voluta da Palazzo Zanca nel solco dell’ordinaria amministrazione. Tuttavia l’assessore non ha lesinato una stoccata ai propri interlocutori politici: “Forse non tutti sanno che le segnalazioni e le denunce finalizzate ad un maggiore controllo da parte di commercianti e operatori mercatali sono frequenti in quanto si lamenta un’intensa attività abusiva che lede gli interessi di chi paga regolarmente le tasse ed occupa nel rispetto delle regole il suolo pubblico. A quanto mi risulta – prosegue Panarello – la polizia Annonaria svolge azioni preventive di informazione, indicando agli ambulanti abusivi i luoghi che sono interdetti all’ambulantato itinerante e quelli che invece sono consentiti. Purtroppo su questo tema esiste una cultura diffusa dell’illegalità, essendo più vantaggioso agire nell’anonimato anziché seguire le regole”. Per facilitare i lavori, resta in cantiere l’ipotesi d’istituire una sorta di vademecum che illustri “i diversi passaggi necessari alla regolarizzazione e l’apertura di un bando per l’assegnazione dei numerosi posti vacanti nel mercato bisettimanale di San Filippo”.