Udienza Dell’Utri rinviata al 9 maggio

Elezione presidente del Senato  XVI legislaturaRinviata l’udienza che vede imputato Marcello Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa. La prima sezione penale della Cassazione, preso atto dell”impedimento’ dei difensori dell’ex senatore di Forza Italia, ha rinviato l’udienza al prossimo 9 maggio alle 14.

PRESCRIZIONE – La presidente Maria Cristina Siotto, comunicando il rinvio, ha sottolineato che la prescrizione del reato è sospesa fino alla data in cui sarà celebrato il processo. Secondo i calcoli della Cassazione, infatti, la prescrizione per Dell’Utri dovrebbe scattare il prossimo primo luglio.

PRIMA SEZIONE – In particolare, la presidente della prima sezione penale, Maria Cristina Siotto, ha rinviato l’udienza dopo aver preso atto dei due certificati medici presentati dai difensori dell’ex senatore gli scorsi 10 e 12 aprile. Oggi, inoltre, come ha sottolineato Siotto, è stato presentato un ulteriore certificato medico che attestava l’impedimento di Massimo Krogh, che è stato operato d’urgenza lo scorso 5 aprile e necessita di una convalescenza di 30 giorni.

CERTIFICATI MEDICI – Stesso impedimento a sostenere la difesa di Dell’Utri per Giuseppe Di Peri, che ha prodotto una certificazione per artropatia al ginocchio sinistro con una convalescenza di cinque giorni. L’udienza davanti alla Cassazione è stata dunque rinviata al 9 maggio, quando i cinque magistrati della prima sezione penale dovranno decidere se convalidare o meno la sentenza bis della Corte d’Appello di Palermo del 25 marzo 2013 che ha condannato Dell’Utri a sette anni di reclusione.

IL LEGALE DEL COMUNE – Il Comune di Palermo, parte civile in Cassazione, non si è opposto alla richiesta di rinviare l’udienza. Lo ha fatto sapere in mattinata l’avvocato Salvatore Modica, legale del Comune, prima dell’inizio dell’udienza.