Teramo-Messina, sfida ad alta quota. Grassadonia: “daremo continuità ad un girone di ritorno al top”

Messina uscimmo a rivedere le stelleAppena quattro mesi fa Messina-Teramo era il più classico dei testa-coda, seppur con due avversarie di spessore in quanto a blasone. Domani, la penultima giornata di campionato, Teramo-Messina è una sfida ad alta quota tra due formazioni che hanno rispettivamente fin qui dominato il girone di andata, per quanto riguarda gli abruzzesi, e il girone di ritorno con una splendida cavalcata dal terzultimo posto per quanto i peloritani.

Forti dei loro 54 punti, gli uomini di mister Vivarini occupano la testa della classifica in condominio con Cosenza e Casertana con sole tre lunghezze di vantaggio sui giallorossi. Reduce dalla vittoria esterna contro il Castel Rigone il Teramo tenterà di ripetersi tra le mura amiche, dove in questo girone di ritorno ha lasciato diversi punti. Contro i biancoscudati al “Gaetano Bonolis” domani ci sarà un clima di grande festa per celebrare la meritata promozione dei biancorossi, per l’occasione la società abruzzese ha deciso di indire l’ingresso omaggio per curve e gradinata, mentre la tribuna coperta costerà solo 5€.

Il Messina, fresco di festa promozione, si proietterà alla sfida con i biancorossi con la spensieratezza di chi ha già conquistato il proprio obiettivo e vuole continuare a la Gianluca Grassadonia.striscia positiva per suggellare la chiusura del torneo con la ciliegina sulla torta, l’ammissione alla Tim Cup.

Alla vigilia del match, come di consueto ha parlato l’allenatore giallorosso Gianluca Grassadonia: “Andiamo a Teramo con l’intento di rafforzare una classifica positiva – ha dichiarato al sito ufficiale dell’Acr Messina – dopo aver raggiunto la promozione arrivare tra le prime quattro della graduatoria sarebbe il giusto e meritato coronamento di un girone di ritorno di altissimo profilo”. Probabilmente il tecnico campano per la partita del “Bonolis” darà spazio a chi nel corso di questa stagione ha trovato meno spazio, ma guai a parlare di seconde linee: “Non è una frase fatta, ma è la pura e semplice verità: qui sono tutti titolari – ha sottolineato Grassadonia –. È giusto premiare chi ha avuto questo comportamento”. Una cosa è certa, a Teramo vedremo un Messina determinato a fare bella figura: “Ci sarà un bel clima, loro festeggeranno la promozione dopo un campionato ai vertici, ci sarà un bel palcoscenico visto l’ingresso libero voluto dal loro presidente. Un motivo in più per non sfigurare e per andare lì con lo spirito e la voglia che ci ha contraddistinti”.