Stipulata convenzione tra i Pagliacci Clandestini di Reggio e l’associazione De Maria di Cosenza

imagesL’associazione di promozione sociale PAGLIACCI CLANDESTINI di Reggio Calabria e l’associazione GIANMARCO DE MARIA di Cosenza, hanno stipulato in data odierna una convenzione finalizzata a sviluppare iniziative e opportunità di collaborazione importanti per un reciproco arricchimento attraverso attività di studio, formazione in piena coerenza con le attività di entrambe le associazioni; la promozione di momenti di scambio e aggregazione tra i volontari e non, utili a favorire e dare la possibilità a questi ultimi di conoscere nuove realtà e mettersi in gioco in contesti diversi da quelli d’appartenenza. E ancora favorire l’integrazione e la contaminazione dei saperi; realizzare momenti di progettazione condivisa e la promozione di iniziative nel territorio regionale e nazionale; promuovere e diffondere la cultura del clown sociale e della clown terapia con la realizzazione di workshop, seminari, tirocini ecc.
Le prime iniziative di collaborazione riguarderanno: la promozione del progetto “HOME” promosso nelle campagne di “Trenta ore per la vita”. Iniziativa finalizzata ad assicurare ai bambini e agli adolescenti malati di tumore il diritto alle cure migliori possibilmente rimanendo a casa propria e quando ciò non fosse possibile, garantisce ai malati e alle loro famiglie una casa lontano da casa (per informazioni comunicazione@gianmarcodemaria.it; altra iniziativa è la partecipazione di alcuni volontari dell’associazione cosentina al corso “Pagliacci in ospedale” promosso proprio in questi giorni dai Pagliacci Clandestini e che si terrà nel mese di giugno in riva allo stretto. Scadenza ultima per potersi iscrivere il 31 maggio 2014 (per informazioni info@pagliacciclandestini.it). La convenzione siglata tra le due Associazioni vuole rappresentare un ponte colorato che avrà come obiettivo quello di creare una rete con altre associazioni che si occupano di clown terapia e clown sociale inizialmente nel territorio calabrese, per poi aprirsi al territorio nazionale.