Sicilia, Crocetta presenta la nuova squadra di governo

Sicilia: Crocetta in aula attacca M5s, siete politicantiPresentata a Sala D’ercole la nuova squadra di governo in Sicilia, con l’assenza dell’opposizione in aula. Il presidente della Regione Crocetta  specifica che questo rimpasto della giunta si è reso necessario per un’esigenza dei partiti, più che come crisi dell’assemblea. Ecco i nomi:  Giuseppe Bruno, delega alla Famiglia ma anche alla Protezione civile; Giusy Furnari delega ai Beni culturali, docente all’Università di Messina; Nico Torrisi alle Infrastrutture; Giuseppe Agnello è l’assessore all’Economia; Michela Stancheris è stata confermata al Turismo; Mariarita Sgarlata dai Beni culturali è passata al Territorio e Ambiente; Ezechia Paolo Reale è il nuovo assessore alla Risorse Agricole;  Salvatore Calleri all’Energia; Linda Vancheri e Nelli Scilabra sono state confermate alle Attività produttive e alla Formazione professionale. Confermata alla Salute Lucia Borsellino. Infine, Vicepresidente sarà Patrizia Valenti, con la delega alla Funzione pubblica.  La delega per la vicepresidenza però sarà formalizzata al rientro del Segretario Generale, Patrizia Monterosso, assente per malattia.

Il presidente Crocetta ha voluto sottolineare che la giunta rinnovata dovrà rispondere alle tante esigenze dei siciliani, e a chi parla di “stallo nell’attività del governo” il governatore risponde che “non c’è mai stato” e che “la giunta ha sempre lavorato”. E sulle dimissioni di Fiumefreddo aggiunge: “Sono legate alla volontà di non voler impelagare il governo in polemiche che esulano dalla politica”. 

Infine, Crocetta pone l’accento sul contrasto alla malavita, alla mafia, al potere politico colluso che il suo governo ha portato avanti. E non meno importante, il presidente della Regione ha ricordato il taglio di oltre due miliardi sulle spese: un risparmio di 100 milioni sulla Sanità, 85 milioni sulla Formazione; 45 milioni sulle gare per le assicurazioni. “Abbiamo evitato il crac” ribadisce Crocetta, “salvato i precari, dando loro un percorso di dignità”.