Si e’ svolta a Lamezia Terme la manifestazione dedicata al Tb Day 2014

imagesAnche quest’anno, in occasione della settima edizione del TB Day, si è svolta a Lamezia Terme la manifestazione dedicata alla Giornata Mondiale contro la tubercolosi. L’evento è stato organizzato dall’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro e dal Dipartimento Regionale Tutela della Salute, dove esiste ormai dal 2007 un Centro di riferimento regionale per il controllo della malattia tubercolare la cui sede operativa, stabilita con decreto del 2008, è situata a Lamezia Terme, nel dispensario funzionale dell’ASP di Catanzaro.
Nel corso dell’incontro hanno relazionato il Dr. Giacomino Brancati, Dirigente Area LEA -Assessorato Sanità Regione Calabria, il Prof. Carlo Torti, Direttore U.O. Malattie Infettive -Università “Magna Graecia” di Catanzaro, il Prof. Lucio Casali, Direttore Cattedra Malattie Apparato Respiratorio – Università di Perugia, la Dott.ssa Maria Grazia Pompa, Dipartimento Malattie Infettive – Ministero della Salute.
Il Direttore generale dell’Asp, Dott. Gerardo Mancuso, che ha introdotto i lavori, ha voluto “sottolineare l’importanza dell’argomento, non solo perché clinico, ma anche perché conosco il fenomeno che riguarda soprattutto una regione, in particolare un’Azienda che ha a che fare quotidianamente con il fenomeno degli emigrati, visto che noi siamo terra di spiaggiamento. Molto spesso le cronache nazionali e dei quotidiani riportano di questi spiaggiamenti continui sullo Ionio e noi, grazie anche all’opera certosina del dottore Surace, abbiamo sviluppato una competenza nell’accoglienza di questi emigrati che è riconosciuta anche a livello nazionale e attraverso questa opera di accoglienza non possiamo che mettere in campo tutta la nostra professionalità, consentendoci di sviluppare una particolare propensione all’accoglienza sanitaria di questi cittadini di queste persone”. Il Dott. Mancuso ha poi aggiunto che “La tubercolosi rappresenta per noi un problema, abbiamo dei dati importanti, è una questione clinica con cui ci relazioniamo quotidianamente. In questo momento particolare, in questa situazione congiunturale negativa sotto il profilo economico, in una Regione che ha degli obblighi nei confronti del nostro Paese, soggetta a piano di rientro, potrebbe essere fuor di luogo fare rete su taluni argomenti che sembrano di nicchia, ma essi hanno una importanza non indifferente, anche nelle strategie gestionali di medie dimensioni come quella nostra. Come direzione generale siamo molto sensibili a questo, quindi invito il dottore Surace a fare il collettore di eventuali iniziative e di eventuali proposte, alle quali l’Azienda aderirà certamente.”
“Ogni anno – ha riferito il Dott. Lorenzo Surace, Coordinatore del Centro di Riferimento Regionale Tbc – verifichiamo una serie di criticità: sempre più nelle nostre strutture sanitarie si avverte la presenza di cittadini stranieri, i minori chiaramente rappresentano una categoria maggiormente vulnerabile rispetto agli adulti. Nella nostra regione è stata recepita la normativa, il decreto della Conferenza Stato Regioni, che prevede che a tutti i minori, sia comunitari che extra comunitari, venga assegnato il pediatra di libera scelta. Nella nostra regione questo documento è stato recepito, però purtroppo non risulta applicato”. “Questa criticità – ha detto ancora il Coordinatore del Centro – è importante perché i minori sono tanti, in Regione Calabria, secondo gli ultimi dati statistici, sono quasi 82mila le presenze di cittadini stranieri, di cui il 15% è rappresentato da minori, quindi è una necessità reale e non fittizia, come qualcuno vuol far sembrare, quindi il nostro impegno nel 2014 e 2015 sarà anche in questa direzione, per migliorare un sistema che diventa sempre più impegnativo.”