Serie B, Palermo-Reggina 1-0: le altre vincono tutte, adesso sembra finita davvero

Icona_Serie_CPeggio di così, davvero, non poteva andare. E non a Palermo, ma in generale: che la Reggina difficilmente sarebbe riuscita ad uscire con un risultato positivo dal Barbera, era cosa abbastanza scontata e prevedibile. Ma era davvero impensabile che tutte le altre tre dirette concorrenti degli amaranto avrebbero trovato il successo nonostante il turno in apparenza sfavorevole. Clamorosa la vittoria del Padova a Brescia (1-3), rotondo e senza appello il successo del Novara sul Trapani (3-1), risicata ma fondamentale la vittoria del Cittadella sul Cesena (1-0). In classifica, adesso, la Reggina rimane ferma a 28 punti in penultima posizione, a 7 punti dal Padova che è salito a 35, a 8 punti dal Cittadella (36) e ad addirittura 11 punti dal Novara che è salito a 39. Mancano ancora 7 partite alla fine della stagione, e in palio ci sono 21 punti. Ma a questo punto tra la Reggina e la serie C manca solo la matematica condanna.
Eppure a Palermo la partita non è stata così “impossibile”: i siciliani lanciatissimi verso la serie A (che potrebbe arrivare già sabato prossimo se i rosanero riusciranno a vincere a Latina lo scontro diretto contro la terza in classifica, in quel caso sarà festa) hanno spinto sull’acceleratore solo per i primi 30 minuti, fino al gol arrivato con Dybala. Per la Reggina l’occasione più grande è stata con Sbaffo, ancora sullo 0-0: splendidamente servito da Dumitru, il centrocampista amaranto s’è ritrovato solo davanti a Sorrentino ma il portiere dei padroni di casa ha sfoderato una parata miracolosa che ha salvato il risultato. Sempre Sbaffo nel secondo tempo ha sfiorato il pari con un pallonetto da 40 metri, ma Sorrentino non s’è fatto sorprendere e in extremis ha deviato in angolo.
La Reggina è sembrata arrendevole sin dalla formazione iniziale schierata in modo sconsiderato da Gagliardi e Zanin che hanno lasciato in panchina i vari Ipsa, Strasser e Di Michele lanciando da titolari in contemporanea tutti i ragazzini provenienti dalla primavera o ai margini della prima squadra. Anche le sostituzioni destano dubbi, in modo particolare le prime due. Ma la serie B la Reggina non l’ha di certo persa oggi a Palermo, e l’agonia dovrà continuare ancora per 7 lunghe giornate…