Regione Calabria, Cusumano: “La chiusura del Campo Coni di Reggio è l’ultima della serie di diritti negati”

images11“Il diritto allo sport è uno di quei valori irrinunciabili, che si collegano direttamente alla persona, al suo benessere ed alla qualità della vita, diventando, in particolare per i giovani, strumento fondamentale per uno sviluppo e per una formazione sana ed integrata. In tale ottica, la vicenda della chiusura del Campo Coni di Reggio Calabria è l’ultima della serie di diritti negati”.
A dirlo, è la presidente della Commissione regionale Pari Opportunità, Giovanna Cusumano per la quale “i commissari prefettizi del Comune di Reggio Calabria devono profondere ogni sforzo per scongiurare che la chiusura in atto si protragga nel tempo, portando ulteriore disorientamento in una città che, con lo sport, ha sempre avuto un rapporto molto stretto, rappresentando il trait-union con il mondo sociale e le categorie meno fortunate. Pertanto- conclude Giovanna Cusumano- sia nel mio ruolo di rappresentante politico che come semplice cittadina, sento di rivolgere un invito accorato alla terna commissariale affinchè individui soluzioni, come per esempio, la ristrutturazione dei servizi igenico-sanitari da affidare con assoluta solerzia, o, in sostituzione, anche il noleggio dei container, per riconsegnare la struttura sportiva alla città”.