Categoria: CALABRIANEWSREGGIO CALABRIA

Reggio, Ordine Provinciale Consulenti del Lavoro: aumentano tutele antipedofilia

Il 6 aprile 2014 è entrato in vigore l’obbligo di richiesta del certificato penale del casellario giudiziale da parte dei  soggetti  che intendano impiegare al lavoro una persona, per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate, che comporti contatti diretti e regolari con minori. Il DLgs n.39/14 ha il fine di combattere lo sfruttamento minorile sotto l’aspetto sessuale e la pornografia.

Il certificato deve rilevare l’assenza di condanne per prostituzione minorile, pornografia minorile, detenzione di materiale pedopornografico, pornografia virtuale ed adescamento minorenni sul web. Il costo dello stesso è di circa 20 euro.

Dopo i chiarimenti dei ministeri della giustizia e del lavoro, è possibile affermare che l’obbligo per il datore di lavoro sorge all’atto dell’assunzione e quando, scaduto il termine di durata previsto, il datore di lavoro stipuli altro e nuovo contratto con lo stesso lavoratore. Quindi l’obbligo non è in vigore per le persone che erano già assunte al 6 aprile 2014. Il datore ha l’obbligo di richiedere il certificato in tutti i casi in cui si instaura con la persona un rapporto contrattuale con prestazioni corrispettive, per attività che comportino un contatto diretto e regolare con i minori. L’obbligo non sorge, invece, per le forme di collaborazione che non si strutturino all’interno di un definito rapporto di lavoro. Il certificato vale 6 mesi, ma il ministero della giustizia precisa che va richiesto solo al momento dell’assunzione. In attesa dell’acquisizione del certificato, se il datore di lavoro è pubblico può acquisire dal lavoratore una dichiarazione sostitutiva di certificazione; se il datore è privato, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

Il ministero precisa anche cosa si intenda per attività professionali o attività volontarie organizzate. Si tratta di tutte le professioni o i lavori (ad es. quelle di insegnante, bidello, pediatra, allenatore, educatore) per i quali l’oggetto della prestazione comporta un contatto diretto e regolare con i minori a fronte di uno specifico rapporto di lavoro. Restano, invece, esclusi i datori di lavoro domestico nel caso di assunzione di baby-sitter o di persone impiegate in attività che comportino contatti diretti e regolari con minori. Questo perché il legislatore ha inteso tutelare i minori quando gli stessi sono al di fuori dell’ambito familiare. Tutte le info dai Consulenti del lavoro.

Articoli recenti

L’incantevole bellezza di Scilla e i suoi tesori in vetrina al castello Ruffo

Paesaggio e mito: l’incantevole bellezza di Scilla e i suoi tesori in vetrina al castello Ruffo grazie a un progetto…

20 Giugno 2019 15:55

Reggio Calabria: “Estate in Arte”, iniziativa artistica per bambini e ragazzi [INFO e DETTAGLI]

Reggio Calabria: bambini ed i ragazzi andranno alla scoperta di nuove esperienze artistiche sensoriali, con la manipolazione, l’uso del pennello,…

20 Giugno 2019 15:46

Messina, il regalo di Soroptimist ai disabili: donata una sedia per l’accesso al mare [FOTO]

Il Club Soroptimist di Messina sostiene l'abbattimento delle barriere architettoniche, donata una sedie che consente l'accesso al mare ai diversamente…

20 Giugno 2019 15:18

Gente di Mare di Messina: consegnate le Medaglie d’Onore [FOTO]

Consegna delle Medaglie d’Onore per Lunga Navigazione di 1° grado (oro) ai marittimi iscritti presso le matricole della Gente di…

20 Giugno 2019 15:14

Reggio Calabria: arrestato 54enne di Gioiosa Jonica per coltivazione e spaccio di droga [FOTO e NOME]

Reggio Calabria: arrestato 54enne disoccupato di Gioiosa Jonica con l’accusa di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente Ieri pomeriggio i Carabinieri…

20 Giugno 2019 15:08

Messina: Mario La Rosa è il nuovo presidente provinciale dell’Adoc

Messina, Mario La Rosa eletto presidente provinciale dell'Associazione Difesa ed Orientamento Consumatori Si è svolto, nei giorni scorsi, la riunione…

20 Giugno 2019 15:07