Reggio, operazione “TNT”: 10 arresti per traffico di esplosivo, armi, furti e rapine [NOMI e FOTO]

Cirillo Ivano Alessio cl. 1988Operazione “TNT”. Oggi,  9 aprile 2014, a Reggio Calabria ed in alcuni comuni limitrofi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, in collaborazione con gli uomini del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale di Cosenza e dello Squadrone Cacciatori di Calabria, hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di Custodia Cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 10 persone, facenti parte di un pericoloso sodalizio criminale dedito al traffico di esplosivo, armi, furti e rapine.

Carabinieri: una pattuglia dell'Arma a Reggio CalabriaPremessa

L’odierna operazione rappresenta la prima fase di una complessa attività investigativa che prende l’avvio a seguito dell’arresto operato, in tempi diversi, a carico di due degli indagati: BATTAGLIA Domenico Demetrio e BERLINGERI Damiano Roberto.

Nello specifico, nel corso di una perquisizione domiciliare, i Carabinieri, nell’aprile del 2012, traevano in arresto BATTAGLIA, a seguito del ritrovamento all’interno della sua abitazione di 10 formelle di esplosivo del tipo tritolo per un peso complessivo di oltre 2 Kg., di 5 detonatori e di numerose munizioni di diverso tipo e calibro.

L’arresto di BATTAGLIA per detenzione di tritolo, riconosciuto dello stesso tipo di quello rinvenuto nelle stive della nave “LAURA C” affondata durante l’ultimo conflitto mondiale nei fondali antistanti Saline Joniche (RC), forniva l’input per avviare le indagini volte ad individuare la provenienza del suddetto materiale esplodente, indagini di cui in passato si era più volte occupata anche la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, ravvisandovi il coinvolgimento della criminalità organizzata.

Le attività di indagine hanno consentito di acclarare come, nella vicenda del tritolo, fosse coinvolto anche il BERLINGERI, responsabile di aver ceduto il tritolo a BATTAGLIA, episodio per il quale, tra l’altro, BERLINGERI è stato già condannato. Il tritolo, secondo gli inquirenti, sarebbe stato a sua volta sottratto ad una cosca di ‘ndrangheta operante nella zona sud di Reggio Calabria.

Il coinvolgimento della ‘ndrangheta

L’attività investigativa ha inoltre evidenziato il collegamento di alcuni dei personaggi coinvolti nelle vicende in esame con rilevanti figure della criminalità organizzata, dalla quale non appare distante l’operato degli odierni indagati, specie se si consideri l’elevata disponibilità e/o capacità di procurarsi armi da costoro dimostrata. È stata certificata la contiguità di alcuni degli odierni arrestati alla più vasta organizzazione criminale denominata ‘ndrangheta, con specifico riferimento alle cosche SERRAINO e FRANCO.

Svaligiata anche la villa sottoposta a sequestro di Luciano LO GIUDICE

Tra i numerosi colpi messi a segno anche quello effettuato alla villa di Luciano LO GIUDICE. Tra la refurtiva, in parte già recuperata, anche un maxi scooter T-MAX che BATTAGLIA Domenico Demetrio, BERLINGERI Damiano Roberto ed altri correi avevano asportato dalla villa sottoposta a sequestro appartenuta al fratello di Nino LO GIUDICE alias il “Nano”.

Le vittime

In molti casi è emerso che la banda preferiva colpire vittime, di cui conoscevano abitudini e orari, prediligendo in modo particolare anziani indifesi. Solo per citare alcuni esempi, per la rapina commessa a Cardeto nell’aprile del 2012 ai danni di due anziane donne, madre e figlia, MORO Teodoro, originario di Cardeto, temeva che potesse essere riconosciuto dalle due donne o da quel “bastardo del figlio”, perché “lo avevano visto crescere”.

Conosciuti alla banda erano anche una donna ed i suoi familiari a cui Massimo MURINA, Alessio CIRILLO, Massimo PICCOLO e Osvaldo SURACE hanno svaligiato la casa, approfittando della circostanza che un parente della donna fosse ricoverato insieme ad una congiunta del MURINA, il quale, in tal modo, aveva modo di sapere esattamente quando colpire, essendo l’abitazione della vittima incustodita.

Ancora MURINA e PICCOLO, in un’altra occasione, dopo essersi guadagnati la fiducia di un impiegato di Reggio Calabria, dapprima si facevano prestare la sua auto, una BMW nuova di zecca, e successivamente, dopo aver simulato il furto dell’auto, si facevano consegnare da questi 3.000 euro in contanti, quale prezzo per l’intermediazione con una fantomatica banda di pericolosi ladri d’auto, somma consegnata dal malcapitato con enormi sacrifici e che MURINA provvederà a sperperare alle slot machine nel giro di qualche ora.

Violenza e ferocia inaudite

Durante i colpi la banda aveva fatto più volte ricorso all’uso delle armi e della violenza per terrorizzare le anziane vittime. I banditi erano soliti, infatti, colpire armati di coltelli, pistole, spranghe, bastoni, a volte utilizzando fucili a canne mozze, come nel caso di una rapina commessa a Pellaro.

ZAMPAGLIONE, ad esempio, spiegava ai correi che durante i colpi, lui la pistola la portava sempre, in quanto se la vittima avesse reagito, gli avrebbe tranquillamente sparato “se uno prende a fare… almeno lo tira, si deve difendere poi una persona per davvero, se deve andare male che vada male, vaffanculo … oh, un’arma è sempre un’arma”. Continuava spiegando che una volta entrati nell’abitazione da rapinare, era importante picchiare subito le vittime, specificando che più forte venivano picchiate e maggiore sarebbe stata la sudditanza psicologica ottenuta sulle stesse.

Non sempre però le vittime si arrendevano facilmente, come nel caso della rapina commessa ad un’anziana donna picchiata con ferocia e lasciata in una pozza di sangue e successivamente ricoverata per oltre un mese in ospedale.

I ricettatori

Le indagini consentivano, inoltre, di individuare alcuni soggetti, attualmente indagati per il delitto di ricettazione. Nei confronti degli stessi, in data odierna, è stata eseguita perquisizione domiciliare.

In pochi mesi di indagine sono stati circa una ventina gli episodi certificati e contestati agli odierni arrestati, commessi principalmente a Reggio Calabria ed in altre località limitrofe (Cardeto, Pellaro, Bocale, Campicello di Pellaro e Rosario Valanidi).

Nel corso dell’indagine, a distanza di pochissimo tempo dall’inizio della stessa, i Carabinieri del Comando Provinciale traevano in arresto nella flagranza di reato alcuni degli indagati, ponendo in tal modo fine alle loro pericolose scorribande.

Dati operativi

Nel corso dell’operazione sono stati impiegati oltre 100 Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, supportati dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori e del Comando Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza.

Le persone tratte in arresto sono:

  1. BATTAGLIA Domenico Demetrio, nato a Reggio Calabria il 23.10.1963;
  2. BERLINGERI Damiano Roberto, nato a Melito Porto Salvo il 23.12.1986;
  3. CILIONE Giovanni, nato a Melito Porto Salvo in data 11.07.1976;
  4. CIRILLO Ivano Alessio, nato a Reggio Calabria il 22.02.1988;
  5. FORTUGNO Vincenzo, nato a Reggio Calabria il 07.03.1968;
  6. MORO Teodoro, nato a Cardeto il 23.05.1955;
  7. MURINA Massimo, nato a Reggio Calabria il 12.05.1975;
  8. PICCOLO Massimo, nato a Reggio Calabria il 27.12;
  9. SURACE Osvaldo, nato a Reggio Calabria il 19.06.1978;
  10. ZAMPAGLIONE Giuseppe, nato a Montebello Jonico (RC) il 04.02.1975.

Questo slideshow richiede JavaScript.