Reggio, operazione “TNT”: 10 arresti per rapine e traffico di esplosivi, dettagli

Carabinieri: una pattuglia dell'Arma a Reggio CalabriaIl 9 aprile 2014, a Reggio Calabria ed in alcuni comuni limitrofi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, in collaborazione con quelli del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale di Cosenza e dello Squadrone Cacciatori di Calabria, hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di Custodia Cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 10 persone, facenti parte di un pericoloso sodalizio criminale dedito al traffico di esplosivo, armi, sostanze stupefacenti, furti e rapine.

L’operazione ribattezzata convenzionalmente “TNT” sigla identificativa del tritolo per impiego bellico, rappresenta la prima fase di una complessa attività investigativa avviata a seguito degli arresti di BATTAGLIA Domenico Demetrio e BERLINGERI Damiano Roberto.

Nell’aprile del 2012, nel corso di una perquisizione domiciliare, i Carabinieri rinvenivano all’interno dell’abitazione del BATTAGLIA, 10 formelle di esplosivo del tipo tritolo per un peso complessivo di oltre 2 Kg., 5 detonatori e numerose munizioni di diverso tipo e calibro.

Il tritolo, è stato riconosciuto dello stesso tipo di quello rinvenuto nelle stive della nave “LAURA C” affondata durante l’ultimo conflitto mondiale nei fondali antistanti Saline Joniche (RC), per cui venivano avviate indagini volte ad individuare la provenienza dell’esplosivo, sotto la direzione dei magistrati della Procura della Repubblica e della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, ravvisandovi il coinvolgimento della criminalità organizzata.

L’attività investigativa ha inoltre evidenziato il collegamento di alcuni dei personaggi coinvolti nelle vicende in esame con rilevanti figure della criminalità organizzata, segnatamente alla più vasta organizzazione criminale denominata ‘ndrangheta, con specifico riferimento alle cosche SERRAINO e FRANCO operanti nella zona sud della città.

I particolari dell’operazione saranno resi noti agli organi di informazione nel corso di una conferenza stampa, che sarà tenuta questa mattina alle ore 11.00 presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria dal Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Dott. Federico Cafiero de Raho.