Reggio, maxi-sequestro a Dominique Suraci e Giuseppe Crocè, sigilli a tanti negozi: i dettagli

 Beni per 125 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Dia di Reggio Calabria a due noti imprenditori reggini Domenico Giovanni “Dominique” Suraci, 46 anni, e Giuseppe Crocè (68). Suraci e’ un ex consigliere comunale di Reggio Calabria. Tra i beni sequestrati figurano, tra l’altro, 11 supermercati a marchio Simply, Punto Sma e Spaccio Alimentare e due punti vendita oggetti da regalo e casalinghi. I due sono accusati di essere legati alla cosca De Stefano-Tegano. I provvedimenti di sequestro sono stati emessi dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale, ed eseguiti da personale del Centro operativo Dia di Reggio Calabria che ha sviluppato gli accertamenti su delega della Dda. Suraci e’ un imprenditore nel settore della grande distribuzione alimentare, ma con interessi anche nel mondo immobiliare ed in quello legato alle scommesse, lotterie e pronostici. Nel 2007 e’ stato eletto consigliere comunale a Reggio Calabria ed ha ricoperto la carica di presidente della seconda Commissione consiliare “Programmazione e servizi generali“. Nel luglio del 2012 e’ stato destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ed altro. Nel procedimento sono confluite le operazioni “Assenzio” della Dia e “Sistema” dei carabinieri. Con la prima, in particolare, gli investigatori ritengono di avere chiarito i meccanismi attraverso cui un sodalizio di imprenditori, al cui vertice vi sarebbe stato proprio Suraci, era riuscito ad ottenere indebite erogazioni di contributi pubblici. L’imprenditore, secondo l’accusa, agendo quale amministratore di fatto di aziende operanti nel settore della grande distribuzione formalmente intestate a suoi prestanome, aveva stipulato numerosi contratti di acquisto in leasing di beni strumentali alle attivita’ aziendali, i cui importi si erano rivelati di maggiorati rispetto ai reali prezzi di mercato, quando non addirittura relativi a forniture in realta’ mai avvenute. Cosi’ facendo le aziende beneficiavano di un risparmio sul versamento di varie imposte. Con l’operazione “Sistema”, per l’accusa, sono stati raccolti indizi circa la contiguita’ di Suraci con la cosca De Stefano-Tegano, alla quale avrebbe consentito l’affidamento delle forniture di generi alimentari nei supermercati condotti. Giuseppe Crocè, socio di Suraci fino al 2008 nel settore della grande distribuzione alimentare, e’ stato raggiunto da due ordinanze di custodia cautelare in carcere: la prima nel luglio 2012 per gli stessi motivi di Suraci e la seconda, nel gennaio 2013, per il favoreggiamento, quale concorrente esterno, degli interessi economici della cosca De Stefano-Tegano. Oltre agli undici supermercati, la Dia ha sequestrato le quote di 18 societa’ di capitali operanti nel settore della grande distribuzione alimentare, della vendita di oggettistica da regalo, in quello immobiliare e dei giochi a premio, scommesse e pronostici; cinque trust, complessi di beni e diritti a vincolo fiduciario utilizzati quali schermi societari; sei immobili di pregio e disponibilita’ finanziarie, conti correnti, polizze assicurative e dossier titoli in fase di quantificazione.

IL COMUNICATO DI DIA E DDA:

 La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, su proposta della  Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia – di Reggio Calabria ha disposto  il sequestro dei beni societari e personali nei confronti di SURACI Domenico Giovanni, 46 anni, nato a Reggio Calabria, e di CROCE’ Giuseppe, 68 anni, nativo di Melito Porto Salvo (RC), in affari unitamente alla figlia CROCE’ Fortunata Barbara,  36 anni.

I  provvedimenti sono  stati eseguiti da personale  del  Centro  Operativo  DIA  di Reggio Calabria, che ha sviluppato i complessi accertamenti su delega della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica.

SURACI Domenico Giovanni è un imprenditore nel settore della grande distribuzione alimentare, ma con interessi anche nel mondo immobiliare ed in quello legato alle scommesse, lotterie e pronostici, con un trascorso politico quale ex-consigliere comunale (eletto nel 2007)  ed ex presidente della seconda Commissione consiliare “Programmazione e servizi generali” del Comune di Reggio Calabria. Nel luglio 2012 è stato destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Tribunale di Reggio Calabria nell’ambito del procedimento penale instaurato per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, trasferimento fraudolento di valori, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ed altro.

In particolare, nel suddetto procedimento penale confluivano la c.d. operazione “Assenzio” del Centro Operativo DIA di Reggio Calabria e la c.d. operazione “SISTEMA” dell’Arma dei Carabinieri della stessa città.

Con l’operazione “ASSENZIO” sono stati compiutamente disvelati i meccanismi fraudolenti attraverso cui un sodalizio di imprenditori – al cui vertice spiccava  proprio il citato SURACI – era riuscito ad ottenere indebite erogazioni di contributi pubblici.

Il SURACI, agendo quale amministratore di fatto di aziende operanti nel settore della grande distribuzione formalmente intestate a suoi prestanome, aveva stipulato numerosi contratti di acquisto in leasing di beni strumentali alle attività  aziendali, i cui importi si erano rivelati di gran lunga maggiorati rispetto ai reali prezzi di mercato, quando non addirittura relativi a forniture in realtà mai avvenute. In tal guisa, potendo documentare l’esecuzione degli investimenti in questione, le aziende beneficiavano di un risparmio sul versamento di varie imposte commisurato proprio all’entità dell’investimento stesso, come previsto dalla citata Legge nr. 296/2006 (c.d. credito d’imposta).

Con l’operazione “SISTEMA”, inoltre, sono stati  conseguiti numerosi indizi anche in ordine alla remota contiguità del SURACI alla criminalità organizzata reggina, con particolare riferimento all’organizzazione storicamente denominata DE STEFANO – TEGANO, alla quale, essenzialmente, consentiva l’affidamento -  in via pressoché esclusiva – delle forniture di generi alimentari, nei supermercati dallo stesso condotti.

CROCÈ Giuseppe, socio in affari col SURACI fino al 2008 nel settore della grande distribuzione alimentare, è stato colpito da due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Tribunale di Reggio Calabria rispettivamente la prima nel luglio 2012, per le stesse motivazioni contestate al SURACI Domenico, vale a dire la militanza all’interno di un sodalizio criminale,  dedito alla perpetrazione di gravi truffe in danno dello Stato nel settore dei contributi pubblici e, la seconda,  nel gennaio 2013 sulla scorta degli indizi emersi in ordine all’accertato  favoreggiamento, quale concorrente esterno, degli interessi economici della criminalità organizzata reggina, prima fra tutte quella riconducibile alle “famiglie” DE STEFANO – TEGANO di Archi.

Il CROCE’, infatti, una volta presa piena coscienza degli artifici contabili cui il precedente responsabile (il suo ex socio SURACI) della gestione dell’azienda SGS GROUP Srl avente per oggetto sociale la gestione di supermercati aveva fatto ricorso per mascherare il drenaggio di liquidità in favore delle imprese della cosca DE STEFANO – TEGANO, non si era preoccupato di porvi rimedio, ma piuttosto cercava di perfezionarli, per metterli al riparo da possibili ripercussioni giudiziarie.

Gli esiti delle attività tecniche effettuate presso gli uffici della società SGS GROUP Srl evidenziavano, infatti, come l’assidua frequentazione con soggetti in qualche modo contigui a contesti di criminalità organizzata non fosse riservata esclusivamente agli esponenti della citata organizzazione dei DE STEFANO – TEGANO (con i quali emergeva comunque una più stretta condivisione di interessi), ma fosse aperta anche alle altre consorterie operanti sul territorio ove lo stesso era solito esercitare la sua professione.

A seguito di una articolata e complessa attività di indagine patrimoniale, diretta e coordinata da questa Procura Distrettuale di Reggio Calabria, che si è avvalsa degli accertamenti delegati al Centro Operativo  D.I.A. di Reggio Calabria, e volta a verificare le modalità di acquisizione dell’ingentissimo patrimonio societario e personale riconducibile ai due imprenditori menzionati, il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione “Misure di Prevenzione – disponeva pertanto con gli odierni provvedimenti,  la sottoposizione a sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile ai 2 imprenditori, di cui si accertava sia una notevole sproporzione tra capacità reddituali ed investimenti effettuati che l’essere frutto di capitali di provenienza illecita.

Per entrambi gli imprenditori il Tribunale  M. di P. così si è espresso: “pertanto, sia per il requisito della sproporzione, sia per l’affiorato esercizio illecito d’impresa, o comunque perché costituiscono reimpiego di proventi illeciti, devono essere posti sotto sequestro le quote ed i corrispondenti patrimoni aziendali posseduti direttamente o indirettamente dal(i) proposto(i)…”

In particolare sono state sottoposte a sequestro quote sociali e patrimoni aziendali di:

  • 18 società di capitali operanti nel settore della grande distribuzione alimentare, della vendita di oggettistica da regalo, in quello immobiliare e dei giochi a premio, scommesse e pronostici, con sedi a Reggio Calabria, Milano e Gioia Tauro
  • 5 trust, complessi di beni e diritti a vincolo fiduciario utilizzati quali schermi societari
  • 6 immobili di pregio ubicati nel quartiere Santa Caterina di Reggio Calabria
  • disponibilità finanziarie, conti correnti,polizze assicurative e dossier titoli in fase di quantificazione

Sono stati sottoposti a sequestro: 11 supermercati a marchio Simply, Punto Sma e Spaccio Alimentare ubicati a Reggio Calabria (società SALDO SRL – SGS GROUP SRL – SDS HOLDING SRL,  SUPERMERCATI DUECI SRL, CIEFFETRE SRL ed altre) e  2 grandi punti vendita oggetti da regalo e casalinghi  ubicati a Reggio Calabria e Melito Porto Salvo (CASA PIU’ SRL).