Reggio, i supermercati sequestrati ieri erano già da tempo in amministrazione giudiziaria

supermercatoI supermercati a marchio Simply e Punto Sma sequestrati ieri dalla Dia di Reggio Calabria a due imprenditori, Domenico Giovanni “Dominique” Suraci e Giuseppe Croce’, “sono gia’ da luglio 2012 gestiti da un pool di amministratori giudiziari nominati dalla Procura di Reggio, con i quali Sma ha continuato a collaborare, in forza dei menzionati contratti di franchising, per il mantenimento in esercizio dei punti vendita anche al fine di tutelare i dipendenti degli esercizi commerciali coinvolti”. Lo rende noto la direzione di Sma Spa. “Detti provvedimenti di sequestro – e’ scritto in una nota – si ricollegano alle operazioni Sistema e Assenzio condotte dalla Procura di Reggio in collaborazione con la competente Dia, nell’ambito delle quali, gia’ nel luglio 2012, si era provveduto all’esecuzione di numerosi provvedimenti cautelari personali nei confronti di svariati soggetti, nonche’ misure cautelari reali (sequestri) a carico delle quote societarie e del patrimonio aziendale delle realta’ commerciali a tali soggetti facenti capo. Sma ha stipulato in passato alcuni contratti di franchising con le societa’ Sgs Group srl e Saldo srl, societa’ riconducibili, rispettivamente, a Croce’ e Suraci, soggetti coinvolti nelle operazioni, cosi’ concedendo a tali aziende di distribuire i propri prodotti nei rispettivi punti vendita, utilizzando il marchio ‘Simply Market’ e ‘Punto SMA’. A seguito dei provvedimenti cautelari personali e reali, gli esercizi commerciali ad insegna ‘Simply Market’ e ‘Punto SMA’, riconducibili ai soggetti coinvolti nelle operazioni cautelari sopra richiamate, sono gia’ da luglio 2012 gestiti da un pool di amministratori giudiziari”. “Nel ribadire la propria assoluta estraneita’ ai fatti illeciti contestati ai soggetti indicati – conclude la nota – Sma precisa altresi’ di avere da tempo conferito mandato al proprio legale di fiducia, Daniele Ripamonti, al fine di tenere i contatti con l’autorita’ giudiziaria e prestare la massima collaborazione nella ricostruzione dei fatti, cosi’ confermando l’impegno del Gruppo nell’informare la propria attivita’ a principi di legalita’ e trasparenza”.