Reggio, fallimento Atam: il Tribunale concede un rinvio al 7 maggio

imagesE’ stata discussa quest’oggi, dinanzi al Tribunale fallimentare di Reggio Calabria, l’istanza di fallimento che la locale Procura della Repubblica ha avanzato nei confronti di Atam Spa.
Nel corso dell’udienza, l’amministratore unico dell’azienda, prof. Antonino Gatto, ha evidenziato l’avvenuta deliberazione della decisione di ricorrere alla procedura di concordato preventivo ex art. 161, comma sesto, della Legge fallimentare, e ha esposto sinteticamente il contenuto della futura proposta concordataria. Quest’ultima, in particolare, investirà il costo del lavoro, l’aumento dei ricavi e l’abbattimento delle spese per l’acquisto di beni e servizi.
La Procura della Repubblica ha acconsentito al rinvio richiesto dallo stesso amministratore, accordato dal Tribunale per l’udienza del prossimo 7 maggio, a condizione che il Comune di Reggio Calabria formalizzi l’impegno alla partecipazione al piano di risanamento.
L’amministratore unico dell’azienda, da parte sua, ha immediatamente investito del problema la commissione straordinaria di palazzo San Giorgio e ha convocato con urgenza un incontro con le organizzazioni sindacali.
Il prof. Gatto auspica che, nell’intervallo concesso dal Tribunale entro il quale saranno definitivamente decise le sorti dell’Atam, tutti gli attori istituzionali traducano le dichiarazioni di impegno in atti che concretamente possano concorrere al risanamento dell’azienda e alla salvaguardia di oltre trecento posti di lavoro.