Reggio, ennesimo incidente sulla SS 106 a Lazzaro [FOTO]

DSC07423 (Medium)Intorno alle ore 19,30 di oggi nel tratto urbano di Ss 106 di Lazzaro, lato Sud del ponte stradale San Vincenzo, esattamente ove recentemente sono state realizzate assurde e pericolosissime corsie di accumulo a servizio di una intersezione a raso, si sono scontrati due autovetture, una Ford Focus e una Smart. Quest’ultima è andata a finire contro il guard rail lato mare. Il conducente della Smart ha riportato apparentemente lievi ferite ed è stato accompagnato presso gli ospedali Riunti di Reggio Calabria per accertamenti. Non è nota la dinamica del sinistro stradale  e non si è in possesso di dati più precisi. Pronto l’intervento delle pattuglie dei Carabinieri e personale ANAS. C’è da dire che prima della realizzazione delle corsie di accumulo il tratto di strada, incluso il vicino bivio per Lazzaro Sud, non presentava gravi condizioni per la sicurezza, peraltro confermate dalla quasi assenza di incidenti stradali. Alla luce del primo incidente si richiede l’immediata rimozione delle precitate corsie di accumulo e il ripristino della segnaletica preesistente. A raccontarlo è Vincenzo Crea, Responsabile del Comitato “Spontaneo “Torrente Oliveto” e Referente unico dell’ANCADIC Onlus.

DSC07429 (Medium)Possiamo ben dire – afferma Creache quest’Associazione aveva già messo in conto il verificarsi degli incidenti a seguito della realizzazione delle predette corsie d’accumulo, tant’è che lo scorso 17 marzo chiedevamo alla Condirezione Generale Tecnica dell’ANAS un intervento di verifica sulla regolarità tecnica e legittimità degli interventi realizzati ed in corso di realizzazione, rappresentando che”” Gli interventi dell’ANAS di Reggio Calabria per la messa in sicurezza della SS106 continuano a suscitare grosse perplessità in ordine alle scelte progettuali ed in particolare sul rispetto del DM 19 aprile 2006 “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle intersezioni stradali”.  Con il primo intervento effettuato dall’ANAS sul territorio lazzarese del Comune di Motta San Giovanni si è snaturato lo svincolo esistente di Lazzaro Sud al km 19+00 eliminando le corsie di accumulo sulla SS 106 in forza alla necessità di eliminare i punti di conflitto di intersezione. Le manovre di svolta a sinistra inibite hanno determinato una forte limitazione alla mobilità dei cittadini lazzaresi che sono stati così privati della possibilità di fruire delle manovre da Lazzaro Centro per  Melito Porto Salavo e da Reggio Calabria per Lazzaro Centro con gravissime ricadute sul servizio di trasporto collettivo delle autolinee private e municipalizzate. Ferma restando la non condivisione dell’intervento citato e più volte segnalato ai vari Enti competenti fino ai  loro massimi livelli istituzionalmente rappresentativi, oggi dobbiamo ribadire la richiesta di un intervento di verifica sulla regolarità tecnica e legittimità degli interventi  realizzati  ed in corso di realizzazione, in particolare dell’ultimo intervento di segnaletica orizzontale a meno di 100 metri circa dallo svincolo di Lazzaro Sud, con  la realizzazione delle corsie di accumulo sulla SS 106 a servizio di una intersezione a raso con una strada di larghezza ridotta che con il suo asse fiancheggia parallelamente la SS106 stessa e la cui confluenza si attesta in salita sempre in affiancamento alla strada principale, in prossimità della spalla sud del ponte stradale sul torrente San Vincenzo . Non è facile comprendere come si siano vietate manovre ad un incrocio di grandissima rilevanza per il traffico e poi a un centinaio di metri si creano manovre di intersezione per uno svincolo che per la sua geometria non può essere annoverato come tale. Non essendo effettuate interventi di modifica planoaltimetriche del tratto di strada, non si comprende come possono essere mutate le motivazioni tecniche di sicurezza che in precedenza hanno determinato la segnaletica orizzontale della doppia linea continua. E’ possibile riscontrare che precedenti nostre osservazioni in merito alle poco funzionali soluzioni progettuali hanno trovato soluzione con varianti in corso d’opera, veggasi la rimodulazione dell’intersezione svincolo di Fiumarella””.

Questo slideshow richiede JavaScript.