Reggio, c’è anche chi dice “si” alla chiusura del campo CONI

ImmagineSembra un titolo strano, che va controcorrente ma è esattamente quello che pensiamo. Nel pomeriggio di oggi, dopo aver letto alcuni titoli di giornali on line la segretaria regionale del Movimento Europeo Diversamente Abili Calabria si è recata al campo coni di Rione Modena per rendersi conto della reale situazione della inagibilita’ dei servizi igienici“. Ad affermarlo è la stessa Segretaria Regionale del movimento MEDA Calabria, signora Rosy D’Agostino, che prosegue: “Ai suoi occhi è apparrsa una scena a dir poco raccapricciante, con bagni da terzo mondo tipo lager, docce inagibili, mura scostate dall’umidita’ e tutto lasciato al degrado piu’ assoluto. Chiaramente assenza di bagni per disabili e cosa ancor piu’ grave per accedere ad essi tre gradini senza alcuna rampa. Situazione assurda  ed ancora piu assurda che i tre commissari hanno inteso far pagare per accedere al campo coni. Di cosa ci lamentiamo allora, i NAS hanno fatto soltanto il loro lavoro e mi meraviglio che ci abbiano messo tanto tempo per farlo. Da piu’ parti si levano voci di sdegno per la chiusura, ma coloro che scivono si renndono conto dello stato delle cose, e delle malattie che potevano contrarre i ragazzini che frequantavano tali sreutture. Qualcuno ha scritto che anche i disabili frequentavano il campo coni…certamente adesso è facile tirarci in ballo ma i gestori si sono mai presi cura dei disabili, si sono mai chiesti che se un disabile in carrozzina doveva andare in bagno se la sarebbe fatta di sopra? Adesso basta utilizzare il termine ed i soggetti disabili per puro scopo populista ed elettorale. La realta’ del campo coni e’ solo la punta dell’iceberg della nostra citta’ ove i diritti piu’ semplici vengono negati al disabile, anche quello di poter andare in un bar e prendersi un caffe’ C’e’ solo un termine che possiamo utilizzare:Vergogna. Vergona per i commissari fanno pagare per  accedere a questa struttura. Vergogna Per chi vuol far riaprire il Campo coni in queste condizioni, magari sistemando i servizi igienici alla meno peggio. Vergogna per i politici che utilizzano i disabili come bandiera per la campagna elettorale. Noi,  statene certi vigileremo giornalmente sull’adeguamento dei servizi igienici e se non saranno costruiti anche i bagni per disabili denuceremo il tutto alla Procura della Repubblica”.