Reggio: cade albero all’interno della Villa Comunale [FOTO]

10002591_10201865241740524_47926929_nGiace ancora, sul vialetto tra le aiuole in fregio al Corso Garibaldi, l’albero crollato lunedì sera, 24 marzo, all’interno della Villa Comunale Umberto I° di Reggio Calabria: qualcuno aveva arrangiato una transennatura dell’area, ma di quel nastro bianco rimangono solo alcuni spezzoni per terra. Segnalazione del nostro lettore Massimiliano Albanese.

Questo monumento all’incuria del verde pubblico, tuttavia, non è più solo!

Un altro arbusto, a pochi metri di distanza, giusto accanto ad una delle panchine dove normalmente siedono anziani e bambini, dalla scorsa notte arricchisce il triste catalogo, dopo essere crollato tranciando di netto i cavi della linea telefonica: qualcuno si è affrettato a raccoglierli, formando un macabro cappio, che penzola dalla porzione della pianta rimasta in piedi… chissà per quante ore ancora, prima del prossimo crollo ?!?

Rimane, così, ulteriormente isolata (perché privata anche del servizio telefonico) la storica attività di bar presente all’interno della Villa Comunale, già gravemente danneggiata dai precedenti crolli, la cui coraggiosa proprietaria, Carmela Polimeni, continua a segnalare all’opinione pubblica un degrado ormai intollerabile di quello che fu un vero fiore all’occhiello della città, sollecitando altresì i doverosi interventi da parte dell’Amministrazione Comunale, per tramite del proprio legale, l’avvocato praticante Massimiliano Albanese, dello Studio Legale Errante di Reggio Calabria.

E’ divenuto infatti un bollettino ormai quotidiano quello dei crolli di alberi all’interno della Villa Comunale: i danni alle cose si moltiplicano, nel disinteresse ormai palese dell’Ente preposto alla custodia del giardino pubblico.

L’auspicio è che non si verifichino danni alle persone, sebbene tale triste eventualità appaia ormai altamente probabile, con buona pace dell’obbligo giuridico di garantire l’incolumità dell’utenza: presto dovrà quindi farsi luce sulle responsabilità civili, penali ed amministrative che possono ipotizzarsi in tal senso.

Questo slideshow richiede JavaScript.