Reggina-Cittadella 0-1: orgoglio amaranto, vergogna ospite nel finale [FOTO]

Reggina GradinataE’ finito 0-1 al Granillo l’ultimo scontro diretto della stagione per gli amaranto, battuti anche dal Cittadella che porta a casa 3 punti fondamentali grazie allo sfortunato autogol di un ottimo Bochniewicz in una partita giocata per 90 minuti sotto la pioggia. Il giovanissimo difensore polacco, prodotto del settore giovanile amaranto, aveva disputato una buona gara accanto a un Lucioni gigantesco, ma al 79° è stato protagonista di una sfortunata deviazione che ha beffato il solito miracoloso Pigliacelli, che fino a quel momento aveva salvato tutto il possibile e anche l’impossibile.
CurvaSud01La partita della Reggina è stata molto buona nel primo tempo, ma Gerardi ha colpito una traversa su bel cross di Contessa e poi soprattutto Di Michele s’è divorato l’ennesimo gol solo davanti al portiere. La bella Reggina del primo tempo diventa una brutta copia nella ripresa, quando rischia di affondare sotto i colpi dei veneti. Gagliardi e Zanin provano a metterci una toppa mandando in campo prima Dumitru e poi Maicon al posto di Barillà e dello stesso Di Michele, che intanto aveva sfiorato il vantaggio con un fantastico diagonale da fuori in contropiede ma la palla è uscita di un soffio.
gol cittadellaNel finale è successo di tutto: al 90° lo stesso Bochniewicz è stato espulso per una clamorosa svista dell’arbitro: il secondo giallo, infatti, gli è stato sventolato in faccia dopo un intervento falloso di Pambou. Difficile confondere un biondo di un metro e novanta con un piccoletto di colore alto meno di un metro e settanta, ma Nasca è riuscito anche in quest’impresa. Poi, al 92° in pieno recupero, viene espulso anche Pellizzer per una manata in faccia a Fischnaller in area di rigore, il guardalinee vede tutto, parla con l’arbitro e assegna il penalty alla Reggina tra le furiose proteste del Cittadella. Dopo 4 minuti di caos, i giocatori del Cittadella si avvicinano a Gerardi e gli chiedono vistosamente di lanciare il pallone alto dal dischetto, perchè per la Reggina un pareggio non cambierebbe nulla mentre per loro la vittoria sarebbe fondamentale. I giocatori amaranto insorgono, sperano di segnare il rigore e poi di buttarsi all’attacco per centrare il 2-1, cacciano via dall’area di rigore gli ospiti mentre l’arbitro resta a guardare. Gerardi tira per segnare, potente e angolato, ma il portiere ospite Di Gennaro intuisce e in tuffo respinge il pallone. L’arbitro fischia la fine, i giocatori del Cittadella iniziano vergognosamente a sbeffeggiare quelli amaranto anche in modo vistoso, con gestacci e linguacce. Si scatena una maxi-rissa che finirà dopo dieci minuti.

gerardi rigore sbagliatoLa Reggina, ormai proiettata al prossimo campionato di serie C, ha mostrato una prestazione d’orgoglio e dignità, pur confermando tutti i limiti d’inizio stagione. Positive le prove dei 4 ragazzi del Sant’Agata (Di Lorenzo, Dall’OglioBochniewicz e Pambou), ma anche Contessa e Dall’Oglio hanno giocato molto bene, oltre a un grande Lucioni in difesa, al solito miracoloso Pigliacelli e a un Di Michele che nonostante i 38 anni ma ci mette cuore e anima. Male, invece, Sbaffo autore di una delle prestazioni più brutte dell’intera stagione, oltre a Dumitru e Maicon entrati nella ripresa ma mai efficaci. Sotto tono anche Barillà.

tifosi protestaDa segnalare, infine, i dati sul pubblico: 3.600 presenti sugli spalti, uno dei dati più bassi dell’intero campionato. 4 i presenti nel settore ospiti del Cittadella. Gli “Ultras 1914” hanno disertato la Curva Sud dando vita a una protesta fuori dallo stadio: pesantissimi i cori contro Simone Giacchetta, “incompetente, vattene” mentre al Presidente Foti hanno chiesto chiarezza sul futuro e rispetto per la passione di una vita.

Reggina-Cittadella 0-1, le pagelle di StrettoWeb: top Dall’Oglio e Lucioni, flop Sbaffo e Gerardi

Ecco le foto (autore Paolo Furrer):

Questo slideshow richiede JavaScript.