Peculato: buoni benzina, a giudizio il sindaco di Floresta (ME)

ufficio gip gupIl gip del tribunale di Patti ha rinviato a giudizio il sindaco di Floresta (Messina), Sebastiano Marzullo, il fratello Carmelo, Francesco Spitaleri, responsabile dell’area tecnica comunale e Salvatore Stroscio. Sono accusati a vario titolo di peculato d’uso in concorso, per aver utilizzato a fini personali e privati buoni benzina intestati al Comune di Floresta. Il sindaco, avendone disponibilita’, secondo l’accusa, avrebbe consegnato i buoni a persone di fiducia per prelevare carburante da usare per mezzi non di proprieta’ comunale. Nell’ambito dello stesso procedimento, il primo cittadino dovra’ rispondere di falso e minaccia finalizzate all’induzione al reato: dal 2009 al 2011, Marzullo avrebbe costretto, minacciando provvedimenti di ritorsione, un’impiegata comunale a registrare false annotazioni nel protocollo del Comune. La stessa impiegata, costituitasi parte civile nel processo a carico di Marzullo, e’ imputata di falso ideologico continuato.