Palermo: giovedì mattina la presentazione del progetto Moltivolti

FESTA DEMOCRATICA PARTITO DEMOCRATICOAlle 10 di giovedì mattina ci sarà la conferenza stampa di presentazione del progetto Moltivolti di Via Saladino, 1/3/5 (di fronte l’Oratorio Santa Chiara) a Palermo, alla presenza del Presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta. Alle 18, sempre il 24, l’inaugurazione aperta al pubblico. Saranno anche presenti esponenti di altre realtà come “Addio Pizzo”, “Santa Chiara” il “CE.SI.E” e “Libera”.

Fondere la cultura Europea con i Paesi del Mediterraneo a Ballarò, con un centro che unisce competenze professionali e crea relazioni. E’ questo l’intento della società “Moltivolti”, frutto della volontà di sei ragazzi di varie nazionalità, provenienti dal mondo dell’associazionismo, che giorno 24 aprile inaugurano un nuovo spazio di 400 mq nel cuore di Palermo. Un luogo polifunzionale che ospiterà 18 postazioni di coworking, con annesso bar e ristorante aperto dalla colazione alla cena. Un progetto nato come una sfida in questo momento storico in cui la microcriminalità, complice la crisi, è tornata a farsi sentire più forte nel centro storico.  Quando molti giovani lasciano la Sicilia sconfortati dalla mancanza di opportunità lavorative, loro non si arrendono e rilanciano con un investimento di oltre 100 mila euro e danno vita a un’impresa sociale che offrirà posti di lavoro, opportunità di scambi europei e tra associazioni e professionisti.

“Lo spazio sarà un punto d’incontro per le varie realtà del mondo del no profit e dell’associazionismo – spiega Claudio Arestivo uno dei soci – uno spazio di incontro, di scambio di idee che si connota per le relazioni. Tutte le iniziative che saranno fatte dentro Moltivolti saranno svolte nell’ottica dello scambio relazionale”. La dimensione interculturale si ritrova anche nello staff coinvolto composto da una ragazza spagnola, un ragazzo afgano, una ragazza dello Zambia e un ragazzo senegalese. “Come amiamo definirlo noi soci – aggiunge Arestivo –  il centro si pone come presidio di ‘normalità’ e non come presidio di legalità. Tutti i dipendenti hanno un contratto regolare, si pagano le tasse e si fanno gli scontrini, cose scontate, ma non troppo se contestualizzate in un quartiere degradato come l’Albergheria”.

“Crediamo – sottolinea Giovanni Zinna – che il nostro possa rappresentare un modello di impresa sociale connesso con il territorio e portatore di sviluppo culturale, sociale ed economico. Valore aggiunto dell’iniziativa è la scelta del luogo, la Piazza Santa Chiara nel cuore del mercato storico di Ballarò, un’area urbana caratterizzata da un’estrema complessità. Abbiamo ritenuto fosse necessario, quindi, ricolonizzare quest’area della città al fine di avviare nuovi processi di partecipazione ed innescare un circolo virtuoso di attività produttive”.

La sfida è, dunque, quella di collegare in modo efficace i bisogni espressi dal territorio con le risorse in esso presenti ed inutilizzate, sviluppando relazioni significative e durevoli tra tutti gli attori coinvolti, scoprendo al contempo una dimensione della cittadinanza attiva e consapevole. Il co-working è stato pensato come uno spazio condiviso in cui associazioni del terzo settore, ma anche giovani professionisti, oltre a strutturare una rete di relazioni proficua allo scambio di competenze e buone prassi, otterranno servizi utili alle loro attività “produttive”, avviando nello stesso tempo nuove sinergie con il territorio. L’idea di affiancargli un’area food nasce, invece, dalla consapevolezza che il cibo agisce da collante tra culture differenti e ne favorisce l’interazione. Il pasto, infatti, rappresenta un momento d’incontro. In tale direzione, Moltivolti promuoverà l’organizzazione di eventi interculturali in cui verranno serviti ai partecipanti piatti tipici di culture differenti, nell’ottica di una valorizzazione della diversità e di costruzione di relazioni tra locali e migranti per una Palermo realmente interculturale ed europea.