Ospedale di Barcellona (Me), Calabrò (Udc): “finti interessamenti, false promesse e visite ipocrite”

Barcellona_Pozzo_di_Gotto_Il_MunicipioTutti i nodi vengono al pettine ed il tempo è galantuomo: tanti sono i proverbi con i quali si può rendere bene l’idea di quanto è avvenuto intorno al pianeta Ospedale della Città del Longano in riferimento al quale si sono sprecati finti interessamenti, false promesse e visite ipocrite“. Ad affermarlo Paolo Calabrò, consigliere e capogruppo UdC al Comune di Barcellona Pozzo di Gotto.

Anche chi si era schierato a favore del cosiddetto polo medico e polo chirurgico in una visione di ospedali riuniti adesso deve prendere atto che era tutta una finzione e che il P.O. di Barcellona P.G. è stato ulteriormente scippato in strutture e posti letto. Non si comprende come si possa vedere il bicchiere mezzo pieno quando sotto un profilo pratico e sostanziale non si vede nessun contenuto“.

Milazzo continua ad avere polo medico e polo chirurgico e Barcellona P.G. si avvia sempre più ad essere un cronicario sulla cui gestione si vorrebbe sapere di più ed in maniera molto approfondita. Desta particolare curiosità il termine ” rifunzionalizzazione ” del Pronto Soccorso mentre di tutti gli altri rimangono strutture semplici“.

Si parla anche qui di accorpamento, meglio dire di soppressione, o nella migliore delle ipotesi di un Pronto Soccorso diurno. Anche qui si vorrebbe sapere di più. D’altronde con un ospedale ridotto ai minimi termini non ha più motivo, almeno per senso di responsabilità, far continuare un servizio, che non è nelle condizioni di garantire ciò per cui istituzionalmente è stato creato: cioè garantire l’emergenza – urgenza“.

Chi ha avuto responsabilità in queste decisioni – conclude Calabrò -, se le assuma fino in fondo! Mi auguro che i cittadini di Barcellona P.G. e del suo hinterland non abbiano la memoria corta“.