‘Ndrangheta, Gratteri dopo l’arresto di Pignatelli: “dobbiamo prenderli tutti”

Nicola GratteriL’arresto di Nicola Pignatelli a Santo Domingo testimonia la credibilita’ della Procura della Repubblica di Reggio Calabria sullo scenario internazionale e la capacita’, ormai d’elite, della polizia giudiziaria italiana di fare indagini efficaci“. Lo ha detto il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, parlando con i giornalisti a margine dell’audizione dei magistrati reggini in Commissione antimafia. “Pignatelli, pur non potendolo classificare come un vertice della ‘ndrangheta calabrese – ha aggiunto Gratteri - era molto considerato dalle cosche di Marina di Gioiosa Jonica. Il suo nome era emerso gia’ nelle intercettazioni a carico delle cosche Aquino e Mazzaferro, sfociate poi nel processo ‘Circolo formato’ a conclusione del quale Pignatelli ha subito una condanna a 13 anni e sei mesi di reclusione”.

Abbiamo ottenuto l’espulsione di Nicola Pignatelli: gia’ domani il boss sara’ in Italia” ha assicurato poi Gratteri. ”E’ un arresto importante -rimarca il Procuratore reggino – e dimostra come noi siamo credibili sul panorama internazionale. Infatti le Polizie degli altri Paesi, soprattutto dell’America del Sud e degli Stati Uniti collaborano molto bene con noi”. ”I trafficanti di droga della ‘ndrangheta -avverte Gratteri- sono in giro per il mondo a continuare la loro attivita’. Diamo loro la caccia senza sosta: dobbiamo catturarli”.