Motta San Giovanni (RC), inadeguata assistenza sanitaria: “un altro piccolo passo in avanti”

poliambulatorio motta sg DSC07076 (Medium)“Nei giorni scorsi, a seguito delle numerose segnalazioni e denunce fatte agli Organi Responsabili da questa Associazione, sono iniziati i lavori di manutenzione presso il Poliambulatorio di Motta Centro. La struttura si presenta in cattive condizioni, come già evidenziato nelle precedenti segnalazioni: gli ambulatori sono umidi, freddi, privi di riscaldamenti, (neanche una stufetta). I pazienti che devono sottoporsi alle visite cardiologiche e pneumologiche devono spogliarsi con rischi e disagi facilmente comprensibili. L’ambulatorio di Guardia Medica è privo di garze, cerotti, materiale per medicazioni, filo di sutura etc. Chi lo dovrebbe fornire? Il Comune”. Lo afferma in una nota  Vincenzo Crea Referente unico dell’ANCADIC Onlus.

“Da circa dieci anni la struttura sanitaria del nostro Comune versa in condizioni “Preoccupanti” di abbandono.  Si sono persi anche per disattenzione degli Amministratori locali numerose branche specialistiche: allergologia, oculistica, medicina legale e numerosi servizi: spirometrie. Per rendere il poliambulatorio funzionale ed adeguato alle necessità dei numerosi utenti di Motta e del suo comprensorio sarebbe necessario, il ripristino delle branche specialistiche perse e l’assegnazione di nuove: endocrinologia, reumatologia, vista la considerevole incidenza di tali patologie nel nostro paese. Inoltre è opportuno ripristinare il servizio di medicina legale per il rilascio dei certificati per il rinnovo del porto d’armi e per la patente di guida e sarebbe necessario destinare alla struttura un’ infermiera, dato che il poliambulatorio non può funzionare per legge senza tale figura professionale e l’unica che vi operava è andata in pensione nel 2003 e non è stata rimpiazzata”.

centro cardiorespiratorio motta sg DSC00933 (Medium)“Si sollecita – continua Crea – l’utilizzo del Centro Cardiorespiratorio per le funzioni per le quali è stato progettato ed edificato. Utile sarebbe il ripristino del servizio prelievi presso l’Ufficio Sanitario di Lazzaro, e per evitare gli sprechi soprattutto in questo particolare momento di ristrettezze economiche che sta attraversando in particolare la nostra Regione, sarebbe opportuno trasferire l’ufficio sanitario di Lazzaro presso la delegazione municipale, o si ritiene privilegiare le strutture private?. Giovevole sarebbe ripristinare il servizio di Guardia Medica estiva a Lazzaro”.

“Di fronte ai bisogni della nostra gente, alle malattie e all’assistenza sanitaria sarebbe opportuno mettere da parte la faziosità, l’arroganza, per cui signor Sindaco rinnoviamo l’invito a lottare insieme con la nostra associazione per migliorare il servizio sanitario nel nostro Comune, anche in considerazione che Voi siete istituzionalmente il massimo responsabile della sanità del nostro Comune” conclude Crea.