Messina, Cacciotto sul parcheggio Zaera Sud: “Perché non farlo diventare un garage pubblico?” [FOTO]

/

zaera sud 1E’ la proposta lanciata dal  consigliere della Terza Circoscrizione Alessandro Cacciotto, il quale, tramite una nota, sottolinea come il parcheggio “Zaera Sud” continui a rimanere poco frequentato.

Il 30 Novembre 2013 – si legge nel documento diffuso dal consigliere e inviato al sindaco Accorinti e all’assessore Cacciola – tutta la città salutò con grande entusiasmo l’inaugurazione del tormentato parcheggio interscambio “Zaera Sud”.

Una grande area di parcheggio (circa 5.200 metri quadrati complessivi) che, soprattutto con la nascita e la concezione dell’isola pedonale, avrebbe avuto un ruolo decisivo quanto strategico nella decongestione del traffico cittadino.

Eppure è del tutto evidente che questi primi mesi di nascita dello  Zaera Sud ne hanno anche segnato la sua palese poca funzionalità e/o il suo poco utilizzo, nonostante solo da pochi giorni (16 aprile) sia ripreso il servizio a pagamento del parcheggio.

Le ragioni dello scarso utilizzo del parcheggio sono, ad avviso dello scrivente, sostanzialmente due:

1)     “Cattive abitudini” di molti cittadini, dal momento che assai spesso un numero consistente di macchine, in barba alle più elementari norme in materia di circolazione stradale, “preferisce parcheggiare” appena fuori dallo Zaera, in divieti di sosta solo raramente contravvenzionati  dagli Agenti della Polizia Municipale.

2)    Cronici problemi di trasporto pubblico cittadino, scoraggiano e non poco. Parcheggiare allo Zaera Sud da sostanzialmente la possibilità di utilizzare il solo tram, dal momento che è impossibile programmare i propri impegni quotidiani affidandosi ai pochi autobus marcianti in città.

Lo scarsissimo utilizzo dello Zaera Sud, oltre a tradire la finalità originaria che si auspicava, cioè quella di smaltire il traffico cittadino, ma a questo punto un po’ troppo utopistica visti gli enormi problemi dell’ATM, sta anche arrecando un pregiudizio economico non più trascurabile e sottovalutabile per le casse già troppo magre dell’Amministrazione Comunale ed in particolare della stessa ATM.

La nascita dell’isola pedonale ha eliminato tante strisce blu al centro e, come sostenuto dallo stesso Assessore alla Viabilità, la mancanza di introiti sarebbe stata supplita dal pagamento dei parcheggi Zaera Sud, Cavallotti e La Farina.

Bene, non bisogna essere attenti osservatori per capire che purtroppo le cose non sono proprio andate in questa direzione.

Nonostante infatti i tanti mesi gratuiti dello Zaera, nonostante le tariffe piuttosto vantaggiose, il parcheggio di Villa Dante rimane amaramente vuoto o comunque desolatamente poco frequentato.

Tanto per fare un esempio, nella giornata di ieri (23 aprile), intorno alle 16:00, il parcheggio contava una decina di macchine a fronte di ben 216 posti su due livelli che lo Zaera offre.

Questi agghiaccianti dati, si trasformano inevitabilmente anche come ammanco di risorse alle disastrate casse comunali.

A questo punto, il sottoscritto consigliere intende lanciare una proposta: un piano dello Zaera Sud e quindi ben 108 posti auto, potrebbe essere destinato, almeno per un anno o comunque fin quando non ci sarà un efficiente trasporto pubblico, a “garage pubblico”.

Già, i cittadini potrebbero, fino alla concorrenza dei posti disponibili, sottoscrivere degli abbonamenti per il solo ricovero anche notturno della propria automobile o del proprio mezzo di trasporto, a costi vantaggiosi.

I fruitori potrebbero avvalersi di tessere magnetiche per accedere al “garage pubblico” anche dopo l’orario di chiusura del parcheggio Zaera Sud.

La suddetta proposta, se praticata, darebbe sostanzialmente tre vantaggi:

1)     Lascerebbe in piedi il parcheggio interscambio con tutte le rispettabili e condivisibili finalità che si intendono perseguire.

2)    Colmerebbe indubbiamente la lacuna economica che si è venuta a creare con la nascita dell’isola pedonale e i pochissimi spiccioli che si riescono a recuperare dal pagamento del parcheggio.

3)     Si offrirebbe un importante servizio a tanti cittadini, quale quello del “garage pubblico” e magari a condizioni economiche più vantaggiose.

Questo slideshow richiede JavaScript.