Forza Reggina, il Novara è allo sbando: batti il Padova e vai a -3 dal playout. Il punto sulla corsa salvezza

padova-regginaE’ sembrato un Novara allo sbando quello travolto per 4-1 oggi pomeriggio dal Latina: i piemontesi (due soli punti nelle ultime 4 partite) sono tornati in crisi nera anche se giovedì sera nel turno pre-Pasquale ospiteranno il Trapani (che di partite consecutive ne ha perse 3) e hanno l’occasione per tornare al successo. La squadra di Aglietti, però, fa grande fatica: nelle ultime 4 partite ha subito 8 reti riuscendo a segnarne soltanto 3, e in classifica è sempre lì, ferma a 36 punti. Il Cittadella, di punti, ne ha 33 e oggi ha ottenuto un buon pareggio sul campo del Pescara, dove la Reggina aveva pareggiato due settimane fa. Giovedì sera i veneti ospiteranno il forte Cesena, per poi scendere al Granillo il 26 aprile per uno scontro diretto che si prospetta come decisivo per la rincorsa ai playout. Tutto, però, passa dalla sfida di domani all’Euganeo: Padova-Reggina è uno scontro diretto da cardiopalma. Il Padova di punti in classifica ne ha 31, la Reggina 27. Tre le ipotesi. Se gli amaranto riuscissero a vincere, salirebbero a 30 portandosi così a -1 dal Padova, a -3 dal Cittadella e dai playout e a -6 dal Novara. In caso di pareggio, invece, la Reggina salirebbe a 28 e rimarrebbe a -4 dal Padova e a -5 dal Cittadella, con il Novara lontano 8 lunghezze. In caso di sconfitta, infine, il Novara rimarrebbe a +9 dagli amaranto che dovrebbero poi recuperare 7 punti dal Padova (e quindi anche dai playout) e 6 dal Cittadella. Insomma, il match delle 12:30 di domani dirà tantissimo. La Reggina deve crederci: in caso di vittoria, tornerebbe prepotentemente in lizza per il posto nei playout, ma una sconfitta probabilmente taglierebbe definitivamente le gambe alla rincorsa salvezza mentre un pareggio lascerebbe tutto aperto ma servirebbe comunque a poco. Dopo il match  di domani, infatti, mancheranno 8 partite alla fine della stagione (24 i punti ancora in palio).

Attenzione, intanto, alla Ternana di Tesser, che sembra essersi fermata: non vince da 5 partite (tre pareggi e adesso due sconfitte consecutive), giovedì sera ospiterà il Pescara e poi andrà sul campo del Modena lanciatissimo verso i playoff. Il calendario degli umbri è forse il più difficile di tutte le squadre che lottano per non retrocedere, anche se i 41 punti in classifica (maturati grazie a 14 pareggi, quei pareggi fondamentali in serie B che sono mancati alla Reggina che in questa stagione ne ha fatti solo 9) sembrano un bottino non indifferente che possa dare tranquillità alla squadra degli ex amaranto Nicolas Viola e Fabio Ceravolo.