Il Consorzio per la valorizzazione di pesche e nettarine di Calabria: esempio eccellente di aggregazione

pescheSono 6 le Organizzazioni di Produttori con sede in Calabria che hanno unito le forze per costituire un unico sistema di aggregazione: il Consorzio per la Valorizzazione di pesche e nettarine di Calabria, che oggi ha presentato ufficialmente il piano di attività promozionale svolto nell’ultimo anno e gli obiettivi a lungo termine.

Il Consorzio rappresenta 1.904 ettari totali su cui si dispiega un’occupazione di circa 235 ULU, rappresenta il primo momento di aggregazione sistemica nel comparto delle drupacee realizzato in Calabria.

L’obiettivo del Consorzio è quello di sostenere una positiva immagine delle pesche e delle nettarine di Calabria nell’ambito del mercato globale, oltre che favorire nel consumatore il processo di identificazione con la frutta specifica, così da estrinsecare qualità intrinseche ed estetiche.

Le due fasi-obiettivo del Progetto del Consorzio si sono esplicate in questo senso:

  • La prima fase del progetto è stata mirata a garantire una valorizzazione multidimensionale del prodotto: il Consorzio ha veicolato principalmente azioni di promozione assistita finalizzate ad informare il consumatore, a stimolare il primo acquisto e ad educare ad un consumo consapevole attraverso il riconoscimento e l’apprezzamento delle differenze rispetto ad altre varietà. Sono stati creati un marchio e un packaging per conferire riconoscibilità fisica al consorzio e facilitare l’individuazione fisica dei prodotti da parte del consumatore, favorendo il riacquisto autonomo anche e soprattutto al di fuori degli eventi di promozione assistita. Concentrare le risorse pubblicitarie su packaging e interventi nei punti vendita (isole di vendita) per raggiungere in modo efficace tutto il territorio nazionale di interesse (area centro nord) raggiungendo direttamente il consumatore, questo l’obiettivo prioritario.
  • Dopo questa prima fase di avvio di positive relazioni interne il Consorzio intende rapportarsi con il mercato e con il consumatore finale in maniera continuativa e non occasionale. Per tale ragione, parallelemente alle attività di promozione e pubblicità, il Consorzio ha prodotto una domanda di riconoscimento per IGP di pesche e nettarine di Calabria; così come ha in corso di registrazione presso gli Ufficio della Commissione della Comunità Europea ad Alicante per la registrazione di un marchio collettivo-geografico.

“Il settore primario rappresenta per la Regione Calabria uno dei comparti di maggiore rilevanza in termini d’importanza e di ricchezza di eccellenze agroalimentari – ha dichiarato Michele Trematerra, Assessore all’Agricoltura presso la Regione – La Calabria occupa un posto di rilievo nella produzione di ortofrutta, rientrando tra le prime otto regioni italiane produttrici”.

Il Consorzio, nato dall’unione di 6 Organizzazioni di Produttori meridionali di pesche e nettarine che, attraverso la formula dell’aggregazione, vuole consolidare la propria presenza sui mercati nazionali ed internazionali nel settore della frutta fresca e trasformata. L’obiettivo è quello di sostenere il consolidamento dell’immagine delle pesche e delle nettarine di Calabria nell’ambito di un mercato globale, oltre che favorire nel consumatore il processo di individuazione di questi frutti, in virtù delle loro qualità intrinseche riconducibili alle zone in cui vengono prodotte. Zone che, per l’appunto, si avvalgono di standard tecnici di produzione tali da rendere le produzioni calabresi più appetibili e differenziate a rispetto a quelle delle altre regioni italiane.