Circoli NCD: “Naccari deve chiedere scusa ai calabresi”

Demetrio Naccari Carlizzi-712800Il consigliere regionale Naccari Carlizzi ha il dovere di chiedere scusa ai calabresi per la vicenda che lo ha visto negativamente protagonista. Le sue dichiarazioni nei confronti del giornalista Michele Inserra sono sconvolgenti e devono fare riflettere l’opinione pubblica“. Ad affermarlo sono i Circoli del Nuovo Centro Destra Nuove Idee di Melito Porto Salvo e Rinascita di Saline Joniche.

Naccari da assessore regionale, secondo la Procura che ha chiuso le indagini, avrebbe fatto pressioni per far vincere il concorso di dirigente medico di primo livello nell’Unità di Dermatologia degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria alla moglie, sorella di Giuseppe Falcomatà che ha annunciato di volersi candidare alle primarie del Pd per la scelta del candidato sindaco al comune di Reggio. L’attuale consigliere regionale, che si erge a “paladino della moralità” non perde occasione per attaccare gratuitamente il presidente Scopelliti il quale, da vero uomo delle istituzioni, ha annunciato, alla luce di una condanna, seppure in primo grado, di dimettersi da governatore. Il segretario regionale del Pd Ernesto Magorno, anziché guardare in casa degli altri chiedendo quotidianamente al presidente Scopelliti di fare un passo indietro, dovrebbe invitare il suo collega di partito a rassegnare le dimissioni da consigliere regionale perché ha pesantemente offeso la dignità di un giornalista “colpevole” soltanto di aver fatto il proprio dovere. A tal proposito dall’ultima nota del giornalista Inserra, pubblicata sul “Quotidiano” di giovedì 3 aprile, sono emersi particolari inquietanti. A detta di Inserra, per esempio, Naccari era a conoscenza di articoli che lo riguardavano prima che uscissero sul “Quotidiano”. Una cosa del genere, gravissima – conclude la nota dei circoli NCD -,  non si addice certo ad un “campione della moralità” come ostenta di essere il consigliere regionale del Pd. Auspichiamo  che il Partito democratico di Magorno abbia il coraggio di prendere le distanze e di censurare pubblicamente l’avvocato Naccari Carlizzi”.