Buco di bilancio del Comune di Catania: assolti 13 ex assessori

Comune di CataniaLa Corte d’appello, riformando la sentenza di primo grado, ha condannato a un anno e 8 mesi di reclusione, pena sospesa, l’ex ragioniere del Comune, Vincenzo Castorina, e assolti, “perche’ il fatto non costituisce reato”, tutti gli altri 13 imputati nel processo per il ‘buco in bilancio’ per centinaia di milioni al Comune del capoluogo etneo. I giudici hanno anche disposto il “non doversi procedere” nei confronti dell’allora sindaco Umberto Scapagnini perche’ i “reati sono estinti per morte dell’imputato”. In primo grado, il 10 ottobre del 2011, per falso ideologico, il giudice monocratico condanno’ a 2 anni e 9 mesi di reclusione Scapagnini e Castorina. Condanne giunsero anche per 13 ex assessori, di varie giunte: Francesco Caruso, Giuseppe Arena, Santo Li Gresti, Giuseppe Maimone, Giuseppe Siciliano, Gianni Vasta, Filippo Drago, Stefania Gulino, Mimmo Rotella, Salvatore Santamaria, Nino Strano, Mario De Felice e Giuseppe Zappala’. Per tutti gli assessori la prima Corte d’appello ha disposto l’assoluzione. Castorina dovra’ risarcire le spese delle parti civili, il Comune di Catania e l’associazione Citta’insieme, con 1.500 euro ciascuno. Il processo per il ‘buco’ in bilancio per centinaia di milioni di euro al Comune prese avvio da osservazioni formulate a suo tempo dai revisori dei conti relativamente al bilancio consuntivo del 2003, sul quale mosse rilievi anche la Corte dei conti.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...


INFORMAZIONI PUBBLICITARIE