fbpx

Scopelliti a SkyTg24: “mi hanno detto che 6 anni non li danno neanche ad un narcotrafficante, ma la Calabria merita un governo legittimato”

scopelliti1-631x420In questi anni si e’ costruito intorno alla mia persona un clima di feroce aggressione. E fa parte di una strategia; una parte entra nei palazzi del potere e l’altra ha visto coinvolti anche altri segmenti della societa’ a costruire un clima di aggressione e quindi di eliminazione”. Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti in una intervista a SkyTg24 dopo l’annuncio di dimissioni che ha fatto seguito alla condanna a sei anni di reclusione. “L’unica cosa che non mi rimprovero in questi quattro anni, e non solo in questi quattro anni anche quando sono stato sindaco – ha detto Scopellitie’ avere messo al centro la politica. Il mio grande coraggio, la mia grande forza mi hanno portato a fronteggiare in maniera chiara e netta questi poteri che in Calabria ovviamente fanno riferimento ai poteri forti che io identifico sempre nella logica delle mafie. Perche’ sbaglia chi in Calabria dice che esiste la mafia. No in Calabria esistono le mafie che sono ben altro della semplice mafia. Quando lei in Calabria riduce il disavanzo della sanita’, che e’ un grande business delle lobby perverse, della mafia, da 254 milioni del 2009, dell’ultimo bilancio prima del mio arrivo, a soltanto 30 milioni del 2013, vuol dire che lei ha inciso profondamente negli affarismi perversi che guardavano all’arricchimento di pochi a discapito dei tanti. In tutti i comparti in cui ci siamo cimentati abbiamo tagliato gli sperperi e abbiamo ridotto i buchi profondi che vi erano in queste realta’ e ovviamente, probabilmente, abbiamo leso anche interessi“. “Qualcuno, scherzando, qualche uomo delle istituzioni – ha proseguito Scopellitiha anche detto forse neanche ad un narcotrafficante si danno sei anni. Pero’ questa sentenza mi ha spinto ovviamente a non accettare l’ipotesi della sospensione della legge Severino. Quindi le dimissioni sono un atto dovuto perche’ la Calabria ed i calabresi meritano un governo legittimato e questa e’ stata la scelta”.