fbpx

Scontro tra treni a Catanzaro, tanti feriti: “sembrava l’inferno”, aperta un’inchiesta [FOTO]

resizer (4)Un incidente ferroviario si è verificato pochi minuti fa a Gimigliano, un centro poco distante da Catanzaro. Ci sarebbero, secondo le prime notizie, alcuni feriti: tra questi due persone in gravi condizioni, immediatamente trasportati con l’elisoccorso nell’ospedale di Catanzaro. L’incidente, in cui è rimasto coinvolto un treno delle Ferrovie della Calabria, si è verificato lungo la linea Catanzaro-Cosenza. Lo scontro tra i due convogli è avvenuto nei pressi del santuario della Madonna di Porto.

resizer (1)+++ AGGIORNAMENTI +++

18:05 – “PROBLEMA DI SEGNALETICA O ERRORE UMANO” –  ”Su un binario unico la problematica puo’ essere dovuta solo ad un problema di segnaletica. Se ci sia stato un problema di automatismi o un errore umano questo lo potra’ decidere solo il controllo di tutti gli strumenti di rilevazione che ci sono e che pero’ verranno fatti solo nei prossimi giorni”. Lo ha detto, parlando con i giornalisti, il comandante provinciale dei carabinieri di Catanzaro, colonnello Ugo Cantoni.

18:00 – APERTA UN’INCHIESTA, PM SUL POSTO – Il procuratore aggiunto di Catanzaro, Vincenzo Bombardieri, si e’ recato personalmente sul luogo del grave incidente ferroviario avvenuto nel primo pomeriggio, all’altezza di Gimigliano, su un tratto a binario unico del collegamento ferroviario della linea locale Catanzaro-Cosenza. Assieme a lui anche il neo sostituto procuratore del capoluogo calabrese, Andrea Mancuso, appena insediato nell’Ufficio, che sara’ il titolare delle indagini affidate ai carabinieri. I magistrati hanno immediatamente aperto un’inchiesta su quanto avvenuto e procedono, al momento a carico di ignoti, per l’ipotesi di reato di disastro ferroviario colposo. E’ stato disposto il sequestro dei mezzi coinvolti nell’incidente e del tratto ferroviario su cui si e’ verificato, che dunque rimarra’ momentaneamente chiuso. Lo scontro fra i treni e’ avvenuto, in particolare, a circa due chilometri di distanza da Madonna di Porto in direzione Cicala, ma i magistrati hanno esteso il loro sopralluogo anche agli scambi ferroviari ed ai semafori presenti in prossimita’ del luogo dell’incidente. Sul posto anche il neo comandante provinciale dei carabinieri di Catanzaro, Ugo Cantoni.

17:55 – DUE MACCHINISTI RICOVERATI A CATANZARO – I due macchinisti dei treni coinvolti nell’incidenteferroviario sono stati ricoverati nell’ospedale di Catanzaro. Uno dei due ha un trauma cranico, per il quale i medici si sono riservati la prognosi, e alcune contusioni. Le condizioni dell’altro, invece, non destano alcuna preoccupazione.

17:50 – “SEMBRAVA L’INFERNO” – “E’ sembrato l’inferno”. Cosi’ uno dei passeggeri dei due treni che si sono scontrati a Gimigliano. L’uomo si trova nell’ospedale di Catanzaro per essere sottoposto ad accertamenti clinici. “Ho avuto molta paura – aggiunge – quando c’e’ stato lo scontro. Ho sentito un forte rumore e non abbiamo avuto modo di capire nient’altro. C’e’ stato il caos piu’ totale. Sono cose veramente da pazzi. Uno utilizza il treno per essere piu’ sicuro e poi si ritrova in un vero e proprio inferno”.

resizer (2)

17:30 – SCONTRO FRONTALE IN APERTA CAMPAGNA – E’ avvenuto in una zona di aperta campagna punteggiata solo da qualche sparso casolare l’incidente ferroviario che ha coinvolto due treni delle Ferrovie della Calabria a Gimigliano. I convogli sono schiacciati l’uno sull’altro, con le cabine di guida praticamente distrutte, poco dopo un ponticello sul fiume Corace, in una leggera curva, alle spalle del santuario della Madonna di Porto. I soccorsi sono stati immediati e a dare l’allarme sono stati alcuni dei viaggiatori che con i cellulari hanno informato le forze dell’ordine e il 118. I primi soccorritori, alcuni volontari della Protezione civile di Gimigliano, raccontano di momenti concitati e persone sotto shock. I due treni, uno partito da Catanzaro e l’altro che aveva da poco lasciato la stazione di Cicala, si sarebbero scontrati ad una velocita’ non eccessiva.

resizer (3)

17:25 – SONO 4 I FERITI GRAVI – Sono quattro i feriti gravi, soccorsi in codice rosso e trasportati in ospedale dal 118 di Catanzaro, dopo l’incidente ferroviario avvenuto tra Gimigliano e San Pietro Apostolo, in provincia di Catanzaro. Gli altri feriti, invece, sono lievi: tra loro c’e’ anche una donna incinta. Da una prima ricostruzione, un treno dei pendolari che viaggiava verso Soveria Mannelli si e’ scontrato con un locomotore diretto a Catanzaro. I vigili del fuoco stanno mettendo in sicurezza i convogli.

16:40 – DECINE DI CONTUSI, 3 IN CONDIZIONI SERIE – Sono alcune decine le persone rimaste contuse nell’incidente ferroviario verificatosi a Gimigliano. Di queste, stando a quanto si e’ appreso, tre sono in condizioni piu’ serie rispetto alle altre. Per nessuna, comunque, si nutrono preoccupazioni.16:50 – FERITI I CALCIATORI DI UNA SQUADRA GIOVANILE – C’erano anche 16 atleti della squadra giovanile di calcio della Garibaldina di Soveria Mannelli su uno dei due treni che si sono scontrati oggi a Gimigliano nei pressi del santuario della Madonna di Porto. I ragazzi, che tornavano da Catanzaro dove avevano disputato una partita, sono rimasti feriti in modo lieve e sono stati smistati tra gli ospedali di Catanzaro e Soveria Mannelli.

16:25 – A BORDO DEI DUE TRENI C’ERANO CIRCA 60 PERSONE – Erano una sessantina, in gran parte lavoratori e studenti pendolari, le persone che erano a bordo dei due treni coinvolti nell’incidente di Gimigliano. Nel centro in cui c’e’ stato lo scontro tra i due treni sono molte le persone che quotidianamente raggiungono Catanzaro per motivi di lavoro o di studio utilizzando i convogli delle Ferrovie della Calabria.

16:20 – SETTE FERITI IN OSPEDALE – Sono sette i feriti dell’incidente ferroviario avvenuto in provincia di Catanzaro. Lo apprende l’AGI da contatti con la centrale operativa del 118 di Catanzaro. Secondo il primo bilancio, due dei feriti sono in codice rosso e sono stati trasportati in elicottero negli ospedali di Catanzaro e Cosenza. Altri tre feriti, tra i quali una donna incinta, hanno un codice giallo, mentre per due si tratta di dovere approfondire i controlli sanitari. A queste persone se ne aggiungono poi altre che hanno preferito non essere accompagnati in ospedale dai mezzi di soccorso, ma per i quali si stanno comunque compiendo accertamenti. In questi ultimi casi si tratta prevalentemente di piccoli traumi e stato di shock. Le due persone piu’ gravi, comunque, non sarebbero in pericolo di vita.

16:11 – LA PIOGGIA RENDE DIFFICILI I SOCCORSI – Erano composti da un locomotore e da un locomotore con un vagone i due treni coinvolti nell’incidente a Gimigliano. Nel momento dello scontro, nella zona pioveva intensamente, pioggia che persiste, rendendo difficoltoso l’intervento di forze dell’ordine e soccorritori.

15:44 – UNA DELLE DUE DONNE GRAVEMENTE FERITE E’ INCINTA – Sono due donne, una delle quali in stato di gravidanza, i feriti gravi nell’incidente ferroviario verificatosi a Gimigliano: non sarebbero in pericolo di vita. Nell’incidente alcuni viaggiatori sono rimasti contusi, mentre i conducenti dei due convogli non hanno riportato conseguenze. Sul posto si sono recati i carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro e del Gruppo operativo Calabria, con l’ausilio di un elicottero.

15:31 – SEI FERITI – Il bilancio provvisorio dell’incidente ferroviario è di 6 persone ferite, 2 più gravi in codice rosso (comunque non in pericolo di vita) e 4 gialli. Sul posto è intervenuto il 118 di Catanzaro, che fa sapere che “la situazione è sotto controllo”. I due codici rossi (un trauma cranico e un trauma toracico) saranno trasportati con l’elisoccorso a Cosenza e Catanzaro. Tra i quattro gialli c’era una donna in stato di gravidanza. Circa altre 10 persone hanno riportato lievi ferite da codice verde o bianco. Quanto alla dinamica, ancora da ricostruire nei dettagli, si è trattato di uno scontro frontale tra due littorine (tre carrozze in tutto, alimentate a gasolio) delle Ferrovie della Calabria: stavano viaggiando in direzione opposta e si sono scontrate su un tratto a binario unico tra Gimigliano e Cicala.