fbpx

Reggio: in tutta la provincia controlli e verifiche della Forestale nel settore agroalimentare

Agroalimentare: controlli corpo forestale, sanzioni per 24 mila euroUn’intensa attività operativa è stata predisposta nei giorni scorsi dal personale del Nucelo Agroalimentare del Comando Provinciale di Reggio Calabria, l’obiettivo è la prevenzione e la repressione dei crimini del settore. Nel corso di tale attività, tesa anche a far garantire la tracciabilità obbligatoria dei prodotti alimentari e delle normative che consentono di verificare la reale origine degli stessi, il personale specializzato del Corpo Forestale dello Stato ha scandagliato, attraverso appositi posti di controllo effettuati sulle principali arterie viarie della provincia, vari  esercizi commerciali, afferenti anche alla grande distribuzione. In seguito alle operazioni svolte, sono state individuate diverse irregolarità poste in essere sia dai titolari dei punti vendita controllati, che da alcuni trasportatori di generi alimentari: è venuto fuori, infatti, che la presentazione di alcuni alimenti tende a disorientare l’acquirente circa l’individuazione della loro origine di provenienza, nonché sulla assenza o corretta apposizione della loro data di scadenza.

Non per niente, le indagini si sono concentrate prevalentemente sulla corretta o meno etichettatura e pubblicità dei prodotti alimentari che, come prevede la normativa vigente comunitaria e nazionale, non devono trarre in inganno ed in errore l’acquirente sulle caratteristiche, sui modi di ottenimento e sulla scadenza. L’attività ha portato alla contestazione di otto sanzioni amministrative, per un importo totale di circa 22.000 euro e a sequestri amministrativi di alcune partite di prodotti alimentari, tra cui burro, stomatico e 700 kg di arance.

Il Corpo Forestale dello Stato si impegna a ricordare che il primo controllo in questo, come negli altri ambiti della materia agro-ambientale, spetta prima di tutto ai cittadini, che operando una pratica di “vigilanza attiva”, possono contattare in qualsiasi momento il numero di emergenza ambientale 1515.

I controlli proseguiranno nei prossimi giorni in tutto il territorio provinciale.