fbpx

Palermo: trovato ordigno bellico inesploso risalente alla seconda guerra mondiale

Foto d'archivio

ordigno bellicoUn ordigno bellico inesploso risalemnte alla seconda guerra mondiale e’ stato rinvenuto nel comune di Sciara (Palermo). L’ordigno, che si trovava in un pessimo stato di conservazione come la bomba da mortaio ritrovata nei giorni scorsi a Taormina (Messina), e’ stato distrutto da una squadra specializzata del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo. Il manufatto e’ stato identificato dai militari dell’Esercito come un proietto d’artiglieria da 37 millimetri contenente esplosivo ad alto potenziale di nazionalita’ Italiana. L’opera di rimozione e distruzione di manufatti bellici inesplosi per tutta la Sicilia viene effettuata da personale altamente addestrato e specializzato, organizzato in “nuclei di bonifica ordigni esplosivi” (Eod) che hanno la competenza per questo tipo di interventi in ambito nazionale, oltre a vantare una lunga esperienza nelle missioni operative svolte all’estero in Kosovo, Libano e Afghanistan. Nel corso del 2013 i nuclei Eod del 4° reggimento hanno distrutto oltre 100 ordigni rinvenuti sul territorio siciliano, nonostante, per ben 6 mesi, fino allo scorso 17 febbraio, l’unita’ sia stata impiegata nell’impegnativa missione in Afghanistan. Negli ultimi 10 anni gli artificieri dell’Esercito hanno condotto oltre 30000 interventi di bonifica su tutto il territorio nazionale.