fbpx

Messina: simposio su terremoti e maremoti, sabato 22 Marzo al Teatro Vittorio Emanuele

Teatro Vittorio EmanueleSi svolgerà sabato 22 Marzo, a partire dalle 9, nel Teatro Vittorio Emanuele di Messina, il Simposio dal titolo “Terremoti e maremoti nell’area dello stretto. Studi e analisi dei processi che precedono eventi sismici e strategia per la mitigazione del rischio”.

Un evento organizzato dall’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Messina, con la collaborazione della Fondazione Architetti nel Mediterraneo, dell’INGV e dell’Enea.

Traendo spunto dalle notizie che rimbalzano rincorrendosi fra web e social network, nasce l’esigenza di fare chiarezza e approfondire un tema purtroppo ben conosciuto ai messinesi.

Nella politica professionale – ha dichiarato il Presidente Lazzari, durante la conferenza stampa di presentazione  – il tema della sicurezza è uno dei temi più attenzionati. Gli architetti messinesi hanno il dovere di fare qualcosa per la città in cui vivono e lavorano, e pretendono di essere ascoltati con l’obiettivo di creare sinergie per mitigare il rischio sismico, ma senza creare inutili allarmi

Saranno tanti i temi trattati, dalle scuole, che per definizione dovrebbero essere i luoghi più sicuri e non lo sono, agli aspetti urbanistici, alla politica del Ri.U.So, come ha annunciato il Presidente della Fondazione Pino Falzea: “Da tempo diciamo che le città non devono crescere, ma trasformarsi. Gran parte del centro edificato è soggetto a sopraelevazioni. Gli architetti devono attuare le politiche del Rigenerazione Urbana Sostenibile e della rottamazione delle vecchie costruzioni”.

Un Piano di Mitigazione del Rischio Sismico era già stato presentato nel 1997” ha detto il Prof. Giuseppe Fera. Su questo e su altre tematiche urbanistiche si straordinaria importanza verterà il suo intervento del pomeriggio.

Non si può demandare la mitigazione del rischio alla Protezione Civile – ha detto il Prof. Fera – siamo noi tecnici che dobbiamo far si che in tal senso non intervenga la Protezione Civile, d’altronde le politiche di assetto del territorio non sono utili soltanto in caso di catastrofi naturali, sono cose che comunque vanno fatte”

L’esito del Simposio – ha concluso il Presidente Lazzari – sarà consegnato agli organi competenti, i quali avranno da sabato in poi il nostro fiato sul collo su questi aspetti”.