fbpx

Il tribunale del riesame rigetta i ricorsi, Rodonò e Galati rimangono in carcere

tribunaleRestano chiuse le porte del carcere per l’ex vice capo della squadra mobile di Vibo Emanuele Rodonò e dell’avvocato Antonio Galati. Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, infatti, ha rigettato i ricorsi presentati dai legali.  Per Rodonò l’accusa parla di concorso esterno in associazione mafiosa; Galati, invece, è accusato di associazione mafiosa. Da definire, invece, la posizione dell’ex capo della Squadra Mobile di Vibo, Maurizio Lento. Anche per lui, l’accusa è concorso esterno in associazione mafiosa.