fbpx

Don Ciotti: “Contro la mafia servono più fatti”

images“Basta parole e più fatti. Basta deleghe, basta prudenze, basta timidezze. È arrivato il momento di cambiare”. Lo ha detto don Luigi Ciotti, il fondatore di ‘Libera’, intervenuto a Latina per la diciannovesima edizione della “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”, promossa dall’associazione ‘Libera’ e ‘Avviso Pubblico’. “Abbiamo solo questa vita – ha sottolineato don Ciotti – Abbiamo solo questa vita. Non sprechiamola e impegnamoci tutti, perché la speranza è adesso”.

Dal palco della manifestazione, alla quale hanno preso parte oltre 100mila persone, è stato letto l’elenco di 900 vittime innocenti delle mafie. Tra questi, 189 militari e forze dell’ordine, 25 magistrati e avvocati, 154 deceduti per pallottole vaganti o per uno scambio di persona, 67 vittime innocenti uccise perche’ parenti di mafiosi o testimoni scomodi, 107 persone esposte a racket e pizzo, 88 sindacalisti e contadini, sette lavoratori nella sanità uccisi perche’ si opponevano alla corruzione, 12 giornalisti e 80 minorenni. Libera chiede “verità e giustizia” per le stragi e le vittime perche’, fa sapere, il 70% dei familiari delle 900 vittime innocenti ancora non conoscono la verità.