fbpx

Tre studenti del Liceo Campanella di Lamezia Terme ad Auschwitz [FOTO]

/

IMG-20140221-WA0005-1Vedere con i propri occhi i luoghi dove è stata scritta una delle pagine più buie della storia dell’umanità,  per vivere il presente con una coscienza civica più matura, che riconosca e promuova la dignità dell’uomo e di tutti gli uomini. Con questo spirito tre giovani lametini studenti del Liceo “Campanella” – Elisa Caridi, Maura Scalercio e Andrea Guzzo –  hanno partecipato al “Treno della Memoria” , il viaggio organizzato ogni anno dall’associazione “Terra del Fuoco” che coinvolge migliaia di studenti italiani portandoli nei luoghi della memoria, dove si apprende la “grande lezione” del valore della vita umana, dell’accoglienza e della fraternità tra tutti gli uomini.

I tre ragazzi del “Campanella” hanno rinunciato al viaggio d’istruzione e, sostenendo lo sforzo economico dell’intera quota del viaggio,  hanno visitato il quartiere ebraico di Cracovia Kamizierz, i campi di concentramento di Auschwitz, Birkenau, la fabbrica di Schindler: un’esperienza di vita che lascia il segno, fatta di storia, di riflessione, di incontro e socializzazione con i ragazzi di tante regioni italiane.

“Visitare quei luoghi cambia la vita, cambia il modo in cui ci si relaziona con gli altri, si prova indignazione di fronte al più piccolo atto di discriminazione verso chi è diverso tra noi”. Così i tre studenti raccontano il “loro” viaggio della memoria, osservando che “se da un lato vedere tanta sofferenza scuote emotivamente e paralizza” dall’altro “ha risvegliato in noi il valore dell’impegno civile, giorno dopo giorno, per far si che catastrofi simili non si ripetano più, per dare voce al grido di tutti coloro che anche nella nostra città sono marchiati come “diversi” e discriminati nel godimento dei loro diritti fondamentali”.

“Il nostro Liceo ancora una volta partecipa al Treno della Memoria e lo fa con la consapevolezza che si da ai propri ragazzi l’opportunità di vivere un’esperienza che pone le basi di un senso di cittadinanza matura e responsabile”. Così il dirigente del Liceo “Campanella” Giovanni Martello esprime il proprio sostegno a un’iniziativa che si inserisce a pieno titolo nella filosofia di “un istituto superiore come il nostro liceo che punta a formare cittadini in grado di camminare con le proprie gambe con coraggio e responsabilità”.  Per la professoressa Michela Cimmino, “esiste un legame tra  quei cancelli aperti in quei giorni terribili della seconda guerra mondiale e i cancelli della nostra scuola che si aprono, per far si che i nostri studenti siano i protagonisti del risveglio civico e morale del nostro territorio e del nostro paese, con le armi della cultura e con la lucida follia di mettersi in gioco per il cambiamento”.